“Sono in piedi dalle 6”, il virologo sbotta contro Berlinguer: gelo in studio

Ieri sera negli studi di Cartabianca il virologo del Sacco di Milano ha “sbottato” dopo l’intervista a Matteo Renzi. Il Covid viene dopo la crisi di Governo, la reazione del dottore è virale.

Renzi (getty images)
Renzi (getty images)

Oggi potrebbe essere il giorno decisivo per il futuro dell’attuale Governo. Se Italia Viva non darà la fiducia per l’approvazione del Mes allora il Governo rischia seriamente di cadere. Tutto “dipende” da Renzi e dal suo partito che a malapena detiene il 3% in Parlamento e, nel pieno di una pandemia, la crisi di Governo è veramente l’ultima delle questioni di cui lo Stato ha bisogno. Eppure oggi si decide mentre ieri il leader di Italia Viva ha parlato a Cartabianca proprio a poche ore dal voto di fiducia.

Bianca Berlinguer ha parlato con l’ex sindaco di Firenze a lungo, tanto da provocare qualche malumore in Massimo Galli. Il virologo dell’ospedale Sacco di Milano ha sbottato e, dopo un’ora di Renzi, non ha nascosto il suo dissenso per il tempo dedicato al vecchio leader del Partito Democratico. “Abbia pazienza” ha esordito il dottore rivolgendosi alla Berlinguer, “Sono in piedi a lavorare dalle 6 di stamattina. Sono preoccupato per la crisi di governo? Sono preoccupato dalla serqua di luoghi comuni che ho sentito”.

Della possibile sfiducia per Conte ha parlato anche Crisanti in trasmissione: “La crisi di governo? Non la auspico, crea un vuoto di potere in un momento delicato“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Conduttore negazionista stroncato dal Covid

Covid, Galli lancia l’allarme: “Come marzo 2020”

In un’intervista a La Stampa il noto infettivologo ha lanciato un chiaro allarme. Secondo Galli, infatti, i dati legati ai nuovi positivi e soprattutto gli ospedalizzati sono decisamente preoccupanti: “… Siamo tornati a valori simili alla prima ondata con pochi tamponi, molti contagiati sommersi e tanti morti”. La seconda ondata fu dovuta alle eccessive libertà di cui abbiamo goduto la scorsa estate, ora nei prossimi dieci giorni (spiega Galli) capiremo quanto ci saranno costati gli “allentamenti” del Governo concesso durante il periodo natalizio.

Nuova Ondata Covid Natale
(Getty Images)

Speriamo non arrivi la terza ondata” conclude l’infettivologo nel suo intervento.