Cecilia vs Cecilia, la Capriotti insulta la tata di Zorzi: “vergognati”

Cecilia Capriotti, l’ultima eliminata dal GfVip, si scontra con la tata di Zorzi su Twitter. Volano insulti e minacce di denuncia.

cecilia capriotti alfonso singorini
Alfonso Signorini e Cecilia Capriotti (screenshot Instagram)

L’ultima puntata del Grande Fratello Vip, andata in onda lo scorso lunedì 18 gennaio su Canale 5, ha visto l’eliminazione di Cecilia Capriotti anche soprannominata CeciChic. La ragazza si è contraddistinta nel programma per la sua erre moscia e per la sua ossessione di venire bene in telecamera. Ha fatto bene poco, nell’ultima settimana è stata protagonista di una lite abbastanza pesante con Maria Teresa Ruta scatenata dalla nomination della 60enne.

La Capriotti è abbastanza permalosa, ci tiene molto a nascondere l’età e i suoi difetti. Proprio sull’età, in puntata, Antonella Elia l’ha interrogata invitando Cecichic a non mentire. “Ho avuto 33 anni per 10 anni” ha risposto Cecilia, sorridendo forzatamente. La tata di Zorzi ha commentato la risposta su Twitter, ma all’ex gieffina non è andato giù il tweet e l’ha risposta per le rime.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>> Cecilia Capriotti e la doccia “chic” prima del GfVip – VIDEO

Duro scontro tra le Cecilie, Twitter si schiera con la tata di Zorzi

Alfonso Signorini, durante l’ultima puntata del Grande Fratello, ha chiesto alla Capriotti quanti anni avesse. Inizialmente la ragazza ha mentito dicendo di averne quaranta. Poi, interrogata dalla velenosa Elia si è corretta. Uno scambio di battute divertente che ha reso anche leggermente sopportabile Cecichic, ma è durato pochissimo. Il tempo di rispondere in maniera razzista e ignorante la tata di Tommaso Zorzi. 

La mancanza di tatto e di intelligenza della Capriotti si è potuta notare in meno di 150 caratteri. Cecilia è una donna venezuelana che ha accudito Zorzi da quando era un bambino. Una donna che ha dovuto imparare un’altra lingua e si è dovuta trasferire in un altro paese per necessità. Sottolineare i suoi errori grammaticali, in una lingua che non è la sua, non è soltanto scorretto ma è davvero di basso livello.  Per ora la “lite” è finita qui, in questo scambio di battute e speriamo che arrivino delle scuse da parte della Capriotti.