Lutto nel mondo del basket, addio alla leggenda: era nella Hall of Fame

Se ne va uno dei più grandi giocatori della storia del basket italiano. All’età di 79 anni scompare Gianfranco Lombardi, uno dei cestiti che fece la storia della Bologna del parquet: 12 anni in Virtus e 2 in Fortitudo.

Gianfranco Lombardi foto
Gianfranco Lombardi, foto da Twitter

Il mondo del basket italiano, e dello sport nazionale, si stringe attorno alla famiglia di Gianfranco Lombardi. A 79 anni se ne va uno dei più grandi giocatori degli anni sessanta della palla a spicchi italiana. Una carriera passata quasi interamente a Bologna tra Virtus e Fortitudo, fu anche colonna del quintetto della Nazionale italiana di quegli anni. Proprio un comunicato della Fortitudo Bologna celebra il suo ex giocatore con una nota, ricordando pure come nel 2006 fosse stato inserito nella hall of fame del basket azzurro.

Partecipò giovanissimo da protagonista alle Olimpiadi di Roma 1960 e, a fine torneo, grazie alle sue prestazioni si guadagnò l’ingresso nel quintetto ideale di quei giochi. In Italia fu miglior marcatore del campionato in due occasioni: nel 1963-64 e nel 1966-67.

POTREBBE INTERESSARTI –> Lutto nel cinema: se ne va il volto di “Lost”

Morto Gianfranco Lombardi, il cordoglio del web

Tanti i messaggi che nella serata di oggi sono stati lasciati sul web da tifosi, sportivi e protagonisti del mondo dello sport. Anche la società della Pallacanestro Brescia si è unita al cordoglio della famiglia, pubblicando una nota nella quale ricorda l’ex giocatore e allenatore.

Gianfranco Lombardi era nato a Livorno il 20 marzo del 1941 e aveva iniziato la sua carriera giovanissimo nel 1956 nella squadra della sua città. Viene notato ancora giovanissimo dalla Virtus Bologna che lo ingaggia nel 1958. Giocherà nella squadra fino al 1970, prima dei due anni nell’altro club felsineo, la Fortitudo. Il suo palmares non è ricco di trofei: unica vittoria ai Giochi del Mare nel 1963, miglior piazzamento in campionato con la Virtus nella stagione 1961-62.

Nonostante i pochi trofei, però, verrà ricordato per sempre come uno dei più grandi giocatori di basket del nostro Paese.

Immagine esterna: foto d’archivio Getty