“Lasagna nel tubetto”, la creazione del Masterchef divide i social – FOTO

Aveva vinto una delle passate edizioni di Masterchef e si era imposto come uno dei cuochi emergenti più promettenti del nostro Paese. Ora Valerio Braschi è tornato alla ribalta con una nuova “creazione”.

Valerio Braschi Masterchef
Foto da Twitter

I puristi della cucina sicuramente storceranno il naso di fronte all’ultima creazione di Valerio Braschi. Il vincitore della sesta edizione di Masterchef, nonché il più giovane trionfatore della storia dello show nel nostro Paese, torna a far parlare di sé con un’ “invenzione” a dir poco particolare, che non piacerà sicuramente a tutti. Scordatevi le lasagne che mangiavate dalla nonna, scordatevi le lasagne nella loro forma tradizionale e comune. Scordatevi, insomma, quegli strati di pasta sfoglia con pomodoro, ragù e formaggio filante che usciva dal forno pronta solo per essere mangiata.

Valerio Braschi, infatti, è andato ben oltre il concetto classico di pasta al forno. Quello che si è inventato il più giovane Masterchef italiano è qualcosa che in poche ore ha di fatto spaccato in due l’opinione pubblica. “Lasagna in tubetto” si chiama, ed è a tutti gli effetti un tubetto (che ricorda molto quello dei colori a tempera che molti di noi usavano alle elementari) ma con dentro una morbida crema di una lasagna reale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> È stato a Masterchef, chi è il “Justin Bieber della cucina” 

Lasagna in tubetto spacca i social, Valerio Braschi risponde

Su social come Facebook e Twitter la foto della Lasagna in tubetto ha decisamente spaccato in due l’opinione pubblica. C’è chi considera questa invenzione quasi un’offesa alla tradizione italiana, uno smacco alla nostra gastronomia; chi invece è rimasto stupito da questa trovata, considerata da tanti geniale e assolutamente creativa. Valerio Braschi, che dopo la vittoria a Masterchef e varie esperienze di gavetta ha aperto a Roma il suo ristorante, 1978, ha servito la lasagna in tubetto circa un mese fa, incontrando l’approvazione dei clienti.

L’abbiamo pensato di servirla insieme allo spazzolino da denti fatto di pasta all’uovo” rivela il giovane chef, “e a un delicato brodo di parmigiano da bere“. Lo stesso Braschi, poi, sulle critiche taglia corto: “Se tanti ne parlano significa che ho colpito nel segno” riporta Il Resto del Carlino.