Serena Enardu sulla macchina incendiata: nello sfogo social perde le staffe

L’ex tronista Serena Enardu ha pubblicato un video sulle storie social con uno sfogo, a seguito della sua auto incendiata ieri sera

Serena Enardu
Serena Enardu e Pago (screen Instagram)

Intorno alle ore 22.30 di ieri, i Vigili del Fuoco hanno ricevuto la chiamata per l’incendio di un’auto, una Land Rover, in via Liviatino a Quartu Sant’Elena. La vettura in questione è dell’ex tronista Serena Enardu. L’influncer, conosciuta anche per la sua tormentata storia d’amore con Pago, negli ultimi giorni aveva parlato di un ravvicinamento tra loro due.

Quando i vigili del fuoco sono giunti sul posto, hanno trovato del liquido infiammabile. L’ipotesi quindi di incendio doloso non è stata scartata poiché non è la prima volta che è successo a Serena. Il primo incendio è avvenuto lo scorso agosto, quando la sua auto è andata in fiamme proprio sotto casa sua.

Potrebbe interessarti anche -> Serena Enardu vittima di un gesto intimidatorio: è la seconda volta

Serena Enardu, dopo la paura arriva lo sfogo

Auto Serena Enardu
Auto Serena Enardu (dal web)

La rabbia e la paura di Serena non si possono nascondere. E’ già la seconda volta che le capita una situazione come questa ed ora l’ex tronista è stanca. Lo sfogo sui social è stato forte e attraverso un video sulle stories di Instagram, ha chiesto ai suoi vicini e conoscenti, se qualcuno avesse visto anche solo dei dettagli che possano essere utili.

Prima degli incendio, molti hanno sostenuto di aver sentito un forte boato. Ora la richiesta di Serena, stanca di essere presa di mira, è di aiuto da parte dei suoi concittadini. Non è mancato un sentito ringraziamento nei confronti di tutti i suoi seguaci che l’hanno supportata e che tuttora cercano di starle vicino.

“Miserabili, chi deve indagare sta indagando”. Queste sono le parole che pronuncia l’influencer. Magari il colpevole era proprio tra quelli che stavano guardando le sue storie. Il suo appello è rivolto anche ai suoi vicini, perché attraverso le telecamere di sorveglianza potrebbero aver ripreso chi ha cosparso l’auto di liquido infiammabile e poi le ha dato fuoco. Prassi che, Serena, fece anche la prima volta senza grandi risultati. Potrebbe trattarsi della stessa persona?