Covid, tentano la furbata a Capodanno: bilancio gravissimo

Ennesimo episodio di una festa organizzata in tempo di Covid e trasformatasi poi in un focolaio. Hanno tentato di “anticipare” il Capodanno, impennata di contagi.

Covid19 party
Covid19 Party – Pexels foto d’archivio

In paese avevano cercato così di eludere le norme anti Covid, anticipando di due giorni la festa di Capodanno e ritrovarsi il 29 di dicembre per celebrare senza che venissero violate le norme contro il contagio del virus. Quello che è accaduto in un centro in provincia di Cremona però è balzato agli onori della cronaca. Il motivo? Questa “furbata” si è tramutata in un vero e proprio focolaio che ha causato 43 positivi.

In pochi giorni i positivi da 2 sono diventati 29, per poi raggiungere i 43 infetti. Uno di loro, tra l’altro, ha anche perso la vita. Per capire quanto successo però dobbiamo tornare indietro di un mese esatto. A Castelverde era stato organizzato un veglione di Capodanno per il 29 dicembre, per evitare le norme più stringenti che avrebbero interessato il 31 e il 1 gennaio. Un’idea condivisa da molti ma che si è rivelata decisamente dannosa per la comunità locale.

La festa era stata organizzata in un’abitazione privata e aveva coinvolto giovani tra i 19 e i 33 anni. Tra di loro c’era evidentemente qualche asintomatico che ha fatto partire il contagio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Brigitte Bardot, dichiarazioni shock sul Covid 

Festa di Capodanno causa 43 positivi, un morto in paese

Covid19 Party
Festa di Capodanno (Fonte Pexels)

A seguito della festa il virus è iniziato a circolare tra molti abitanti del paese. A metà gennaio i positivi registrati erano 29, salvo poi diventare 43. Ecco come un paese che il sindaco definisce Covid free prima di questo avvenimento si è ritrovato con decine di contagiati e un morto, il nonno di un ragazzo (con patologie pregresse) che però non aveva partecipato alla festa di fine anno. Un altro residente del paese è ora ricoverato il terapia intensiva.

Il primo cittadino di Castelverde a emittenti locali ha definito questa festa “… un affronto incredibile per tutti i cittadini che hanno sempre utilizzato buone modalità per contenere la pandemia”.