Giuseppe Conte, le prime parole da ex Premier: “Sono sereno”

Per la prima volta dalla caduta del suo Governo Giuseppe Conte ha parlato ai microfoni della stampa. Intercettato dall’Ansa fuori da Palazzo Chigi, ecco che cosa ha detto.

Giuseppe Conte
L’ex Premier Giuseppe Conte (Getty Images)

Poche parole ma chiare quelle che Giuseppe Conte ha rilasciato all’Ansa fuori da Palazzo Chigi pochi minuti fa. Si tratta delle prime dichiarazioni dell’ex Premier da quando il suo Governo è caduto dopo il golpe renziano. Il professore si è limitato a una dichiarazione breve ma incisiva, che sa di consapevolezza e di zero rimpianti per il lavoro svolto, soprattutto nell’ultimo anno caratterizzato dalla pandemia.

Quando uno fa il suo lavoro è sempre sereno” ha detto Conte al suo intervistatore, rispedendo al mittente tutte le accuse che parlano di cattiva gestione dell’emergenza Covid. L’ex Premier non aveva rilasciato alcuna dichiarazione ufficiale dall’inizio della crisi.

Oggi Mario Draghi, nominato da Mattarella come successore dello stesso Conte, inizierà le consultazioni per valutare se c’è una maggioranza sulla quale poggiarsi per costruire il nuovo Governo tecnico. Per ora sembra che i  soli PD e Italia Viva siano disposti a dare la fiducia all’economista e banchiere.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Salvini-Gruber, è “scontro” il televisione: “Con te al Governo…”

Sfiducia a Conte, ma ora tutti lo “vogliono

L’uscita di scena di Giuseppe Conte dal ruolo di Premier potrebbe però non coincidere con la fine della sua carriera politica. Rumors che arrivano da Roma parlano di possibili nuovi incarichi per il professore, che sarebbe in lizza per il Ministero degli Esteri o per un posto come commissario europeo. Si era parlato anche di un ruolo da vice Premier al fianco di Draghi per lui; voci e indiscrezioni comunque smentite dallo stesso Conte.

Intanto in queste ore Mario Draghi sta tastando il contesto politico nel quale poter creare la nuova maggioranza. PD e Renzi sembrano schierati con il nuovo Premier incaricato, dubbi sul Movimento 5 Stelle, la destra pare essere sempre rivolta alle elezioni anticipate.