Trump, nuova accusa per The Donald: “Istigò l’assalto e gongolava”

A distanza di diverse settimane, non si placano le accuse nei confronti di Donald Trump. Il tycoon è nel vivo del secondo processo di impeachment: ecco le ultime argomentazioni pesanti da parte dell’accusa

Trump parla alla folla
Donald Trump (Getty Images)

Donald Trump ha dominato l’attenzione pubblica nei mesi scorsi, ponendosi al centro delle scene sotto il profilo politico nell’ambito delle elezioni negli USA. L’ormai ex Presidente degli Stati Uniti d’America, come è ormai noto, non ha accettato la sconfitta contro Joe Biden. Dopo aver gridato ai brogli e chiesto il riconteggio delle schede in alcuni Stati chiave, ha fomentato sempre di più i suoi sostenitori con discorsi dall’alta carica emotiva e che gridavano allo scandalo.

Una tensione politica che ben presto si è tradotta in ira sociale ed è sfociata nel tremendo attacco a Capitol Hill, in cui una donna ha anche perso la vita. Un gesto violento e di una gravità inaudita che a distanza di tempo non placa il suo eco e sta avendo ricadute nette anche sul destino di Trump. I risvolti legali non mancano, infatti, per il tycoon. Ecco gli ultimi passaggi giudiziari e le accuse rivolte al Presidente uscente.

LEGGI ANCHE >>> Obama da Fazio, frecciata a Trump: “Non si può dimenticare” – VIDEO

Donald Trump e l’assalto a Capitol Hill: le accuse sono pesanti

Trump arrabbiato
Donald Trump (Getty Images)

Sta andando in scena il secondo processo per impeachment al Presidente Trump. Le accuse continuano a essere decisamente gravi e questa volta l’accusa ha fatto perno sulle scene violente dell’attacco a Capitol Hill. Secondo quanto riporta l’ANSA, la stessa accusa avrebbe sottolineato che The Donald “non è stato un innocente spettatore ma ha abbandonato il suo ruolo di commander in chief ed è diventato l’istigatore in capo della manifestazione”. Un altro retroscena è scioccante: “Era come un reality show, festeggiando senza fare nulla per aiutarci”. Parole che avrebbero colto di sorpresa la difesa e mandato Trump su tutte le furie: il processo è destinato a far discutere ancora molto.