‘Rimorchiare’ online grazie al vaccino Covid: ecco come

Nell’ultimo anno c’è stato un vero e proprio boom di app per incontri. Il lockdown ha amplificato questo trend tra i giovani, ora il vaccino viene usato anche per rimorchiare. 

bacio multa covid mascherina
Getty Images

Le relazioni sociali al tempo del Covid avvengono anche così. Nell’ultimo anno praticamente c’è stato un vero e proprio boom di app per incontri: Tinder su tutte, recentemente anche Dating (integrata in Facebook) per favorire gli scambi e gli incontri in un periodo in cui la mobilità, e la possibilità di vedere altra gente, è decisamente limitata. Il primo approccio quindi avviene online, da remoto, grazie ad applicazioni specifiche che hanno lo scopo di mettere in contatto due persone. Ne esistono delle più svariate di queste app, sicuramente Tinder è la più utilizzata e la più diffusa specialmente tra i giovani.

Tinder, così come le altre, permette di descriversi brevemente in una “bio” (biografia) che possa essere la presentazione sommaria della propria persona. E proprio in bio ora sta impazzando la dicitura “vaccinato“, per far sapere a tutti di aver ricevuto il farmaco e di essere, in buona sostanza, “fuori pericolo” contagio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Vaccino Covid, licenziata per averlo rifiutato

Su Tinder il vaccino Covid inserito in bio

Mi sono vaccinato” tre parole con le quali teoricamente si vuole ottenere un criterio di selezione preferenziale da parte di possibili nuovi match. Una sorta di patentino insomma per cercare di attirare più gente a mettere il tanto agognato like. Soprattutto all’estero è iniziata a dilagare questa nuova “moda”, ma sicuramente entro poco tempo arriverà anche in Italia. Anche se la maggior parte dei giovani dovrà ancora aspettare molto prima di potersi vaccinare, a meno che non si appartenga alle categorie più a rischio contagio.

In Gran Bretagna è stato distribuito un alto numero di vaccini e in tanti, sulla nota app di incontri, ha deciso di inserire nella propria bio il “bollino” dell’avvenuta vaccinazione. La minaccia del contagio spaventa anche sul web, meglio quindi cercare di tutelarsi con tutti i mezzi a disposizione.