Spostamenti tra regioni, la decisione di Draghi: cosa cambia e tutte le date

Il Governo guidato da Mario Draghi è chiamato a prendere decisioni importanti per contenere la pandemia da Covid-19. Il Presidente del Consiglio è in procinto di mettere in atto una scelta cruciale per quanto riguarda gli spostamenti tra regioni gialle

Mario Draghi con la mascherina
Mario Draghi (Getty Images)

Il Covid-19 desta ancora grande apprensione in Italia. Il Governo è chiamato a prendere decisioni piuttosto importanti per tentare di arginare la pandemia: una nuova risalita di casi sarebbe particolarmente difficile da gestire, soprattutto in vista di una campagna vaccinale che già si presenta ostica per la gestione delle somministrazioni e i recenti ritardi per l’arrivo delle dosi.

Negli ultimi mesi, prima delle dimissioni, Giuseppe Conte aveva sostenuto con forza il modello di divisioni per colori del Paese in zone gialle, arancioni e rosse in base alla gravità. Molti nelle ultime ore, stanno avversando quest’opzione in riferimento alle casistiche attuali e chiedono una fascia unica Nazionale. Di certo, Mario Draghi sembra essere in procinto di prendere un’importante decisione per quanto riguarda gli spostamenti tra regioni. Ecco tutti i dettagli.

LEGGI ANCHE >>> Covid, annuncio nuova variante: “È più contagiosa”

Spostamenti tra regioni, Draghi verso la proroga: le nuove date

Mario Draghi e lo spostamento tra regioni
Mario Draghi (Getty Images)

Le varianti destano preoccupazioni e l’Italia non può permettersi una nuova impetuosa risalita dei contagi. Secondo quanto riporta il ‘Corriere’, è pronta la proroga dello spostamento tra regioni, anche per quanto riguarda i territori di colore giallo. Attualmente è fissato al 25 febbraio, ma dovrebbe essere allungato fino al 5 marzo, data cruciale per i tavoli della politica dato che scadrà anche il DPCM che stabilisce le norme anti-contagio. E all’interno del Governo c’è chi crede che la proroga per lo spostamento tra regioni possa essere prorogata addirittura fino al 31 marzo.

Intanto continuano le critiche al modello di divisione per colori ed è arrivata nelle ultime ore una richieste univoca da parte delle regioni: semplificare la scelta dei colori rivedendo i criteri e i 21 parametri di classificazione. Il Consiglio dei Ministri è fissato a domani per varare il nuovo Decreto: vedremo se Draghi agirà anche in questo senso.