Youtube, la frase razzista blocca il canale di scacchi: di che si tratta

Una frase razzista su Youtube ha bloccato un canale dedicato al gioco degli scacchi. Ecco cosa è successo veramente

Youtube frase razzista
Foto di StockSnap da Pixabay

Il motore di ricerca più usato dopo Google, è stato fermato per razzismo. E’ quello che è successo su Youtube, dove un canale dedicato al gioco degli scacchi è stato bloccato per razzismo. Il motivo sarebbe da riscontrare in una frase razzista, anche se i ricercatori hanno affermato che può succedere quando si tratta di Intelligenza Artificiale.

“Il bianco attacca il nero” è la frase che ha scatenato il blocco del canale Agadmator, account di Youtube seguito da tutti gli scacchisti  del mondo. I presunti contenuti razzisti, hanno bloccato il canale video per 24 ore lo scorso 28 giugno.

A quanto pare, i termini e le espressioni tipiche del gioco degli scacchi, sarebbero stati visti come discriminatori e quindi il social sarebbe stato prontamente bloccato.

Secondo alcuni studiosi, “il bianco” ed “il nero” sarebbero i termini tipici del gioco che hanno però innescato il blocco. L’algoritmo ha infatti cercato contenuti offensivi sul canale per evitare la diffusione degli stessi. E’ quello che può accadere quando si lavora con l’Intelligenza Artificiale, avrebbero riferito i ricercatori.

LEGGI ANCHE >>> Youtube accusa duramente il giornale: è bufera per il ban della piattaforma

Caso Agadmator: lo studio dei ricercatori

Youtube frase razzista
Foto di Pexels da Pixabay

Secondo quanto dichiaratoAshique R. KhudaBukhsh e Rupak Sarkar, ricercatori della Carnegie Mellon University, la causa del blocco del canale Youtube per la frase razzista è l’algoritmo.

I ricercatori hanno condotto uno studio per dimostrare la loro verità. Grazie all’uso di software adatti alla ricerca di frasi offensive, i due hanno selezionato oltre 1000 commenti di cinque diversi canali di Youtube dedicati agli scacchi. Il risultato non lascia spazio a fraintendimenti: ben l’82% delle frasi incriminate non conteneva alcun riferimento razzista ma semplicemente termini tipici del gioco, come appunto bianco e nero.

L’Intelligenza Artificiale avrebbe inoltre bloccato il canale anche per altri termini “minacciosi” come per esempio attacco, contrattacco e cattura.