Samuel Peron, la confessione sul passato spiazza: “Se li avessi ascoltati non sarei qui”

Il ballerino Samuel Peron, intervenuto a “Chi l’ha visto?”, ha raccontato in tv un retroscena spiazzante sulla sua infanzia.

Samuel Peron si confessa in tv
Il ballerino Samuel Peron (fonte: Instagram)

Samuel Peron, ballerino e insegnante divenuto famoso grazie alla trasmissione di Milly Carlucci Ballando con le Stelle, ieri sera si è confessato in tv a “Chi l’ha visto?”. Il programma di Federica Sciarelli, storica messa in onda di Rai3, si occupa da anni di dar voce a parenti e amici di persone scomparse. Inoltre, vengono anche raccontati i casi più strazianti di omicidio e suicidio.

Quest’ultimo è il caso di ieri sera, nel quale è intervenuto anche Peron. La Sciarelli ha ricordato Michele Ruffino, adolescente della provincia di Torino che tre anni fa si tolse la vita perché vittima di bullismo. Il caso è tornato agli onori della cronaca perché la procura ne ha chiesto l’archiviazione. Già in passato, quando la storia di Michele fu raccontata di nuovo in trasmissione, era intervenuto il cantante J-Ax per raccontare la sua infanzia difficile e dare la testimonianza di una persona che ce l’ha fatta a superare le difficoltà. Ieri, invece, è intervenuto Samuel Peron perché anche lui da bambino è stato vittima di bullismo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Ballando con le Stelle, l’annuncio di Samuel Peron fa volare i fan

Samuel Peron vittima di bullismo da bambino

Il ballerino è intervenuto in diretta con un videomessaggio. La sua confessione è spiazzante e commuove il pubblico. Ha raccontato di essere stato vittima di bullismo, da bambino, soltanto perché aveva deciso di entrare a far parte del mondo della danza. “Non basta il calore del pubblico per cancellare una vita difficile” ha poi detto riferendosi al fatto che molte persone pensano che la notorietà sia sinonimo di una vita facile.

Non ha mollato perché è riuscito a trovare conforto nei suoi genitori e negli insegnanti di scuola. In virtù di questo ha invitato tutti i bambini e gli adolescenti vittime di bullismo a chiedere aiuto a chiunque possa essere loro vicino.