Sanremo 2021, Amadeus rompe il silenzio “Sono molto arrabbiato”

Sanremo 2021 sarà diverso ed il conduttore Amadeus fa pubblicamente le sue confessioni a pochi giorni dall’inizio dello spettacolo.

Sanremo 2021 Amadeus
Amadeus (screenshot Instagram)

Mancano pochi giorni all’inizio del Festival e la kermesse non inizierà di certo con il piede giusto. A parlare è proprio il conduttore di Sanremo 2021 Amadeus che rompe finalmente il silenzio su tutte le polemiche che ci sono state e sono tuttora in corso. “Sono molto arrabbiato” ha confessato il conduttore.

Quest’anno Sanremo sarà sicuramente diverso dal solito. La preparazione dello spettacolo ha fatto molto parlare nelle scorse settimane e fino ad oggi, Amadeus non si era mai esposto in merito. Ma a poche ore dal via, ha sorpreso tutti confessando pubblicamente il suo malumore.

Il conduttore ha cercato fino all’ultimo di trovare una soluzione per la presenza del pubblico. Amadeus ha infatti ammesso di aver avanzato tantissime proposte risolutive ed in regole con le norme anti-Covid ma è stato tutto invano. Non nasconde la delusione e la rabbia infatti il presentatore, soprattutto perché nei giorni sanremesi non avrà al suo fianco suo figlio, il piccolo José, primo grande sostenitore del padre.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>>Sanremo, “Era stato escluso”: l’ultimo attacco all’ex amico

Amadeus, senza Fiorello sarei perduto

Sanremo 2021 Amadeus
Amadeus e Fiorello (screenshot Instagram)

Tanta delusione e amarezza per il conduttore di Rai Uno che ha finalmente deciso di rompere il silenzio e parlare a cuore aperto. La kermesse non è ancora iniziata ma Amadeus vuole ringraziare pubblicamente il suo collega e ormai amico fraterno Fiorello, ammettendo che senza il suo appoggio, la sua grinta e il suo essere speciale, non ce l’avrebbe fatta.

I due infatti si sono dati reciprocamente forza, cercando di fare il loro dovere perché, nonostante tutto, the show must go on e perché “Sanremo è Sanremo”. Un Festival che sarà però limitato dal Covid, dentro e fuori dal teatro Ariston, a causa delle normative anti-assembramento e della zona Rossa in cui versa la città.