Covid, scoppia la protesta sulla scuola: “Così è accanimento”

Il virus non lascia tregua all’Italia e al mondo intero. I provvedimenti sulla scuola, in tempi di Covid-19 continuano a dividere tutti i cittadini: ecco cosa succederà nelle prossime ore

Scuola ai tempi del Covid
Scuola ai tempi del Covid (Getty Images)

La corsa del Covid-19 continua a destare grande preoccupazione negli alti ranghi della politica e della sanità. Proprio per questo il Governo guidato da Mario Draghi ha dovuto prendere delle decisioni particolarmente dolorose e allo stesso tempo stringenti per tentare di contenere la pandemia da Covid-19. Nelle ultime ore, sta facendo discutere molto il tema relativo la scuola.

Ormai da diversi mesi si sta discutendo di quali siano i provvedimenti giusti da adottare per evitare nuove impennate di contagi e anche stavolta, con la variante inglese in atto, le chiusure hanno riguardato purtroppo il mondo scolastico. Da diversi mesi, l’opinione popolare si divide tra chi considera la scuola in presenza come una priorità assoluta, anche a dispetto del virus. Chi, invece, crede che adeguarsi alla didattica a distanza, almeno per il momento costituisca l’unica soluzione possibile, in tempi di pandemia da Covid-19.

LEGGI ANCHE >>>Vaccino Covid, novità importante per chi si è già infettato: di che si tratta

Covid, pronta la nuova protesta per la scuola: ecco i temi

Scuola ai tempi del Covid
Scuola ai tempi del Covid (Getty Images)

Le prossime chiusure e il nuovo DPCM varato dal Governo, hanno visto ancora una volta la scuola come tema centrale. Il Covid e la variante inglese impongono la didattica a distanza a migliaia di studenti e le reazioni sono talvolta decisamente diverse. L”ANSA’ riporta le nuove proteste da parte di alcune ragazze di Torino. Per Anita, Lisa e Maia da lunedì tornerà la didattica e le ragazze non ci stanno: proprio per questo hanno deciso di scendere in piazza e protestare per le decisioni prese. Maia, inoltre, dice: “Non capisco questo accanimento contro le scuole, quando negli scorsi weekend le piazze erano affollate. Dove sono i dati che dimostrano che la scuola è veicolo di contagio?”