Passaporto sanitario, arriva la proposta in Italia: in quale Regione sarà obbligatorio

Il passaporto sanitario potrebbe diventare una realtà in una Regione italiana dove a fatica è stata raggiunta una bassa incidenza di contagi.

Christian Solinas passaporto sanitario Sardegna
Il presidente della Sardegna Christian Solinas (fonte: Instagram)

Christian Solinas, presidente della Sardegna, ci tiene a preservare al massimo la zona bianca raggiunta a fatica sull’isola. Infatti, mentre gran parte dell’Italia rischia di passare al rosso o all’arancione rafforzato già da lunedì a causa dell’elevato numero di contagi dovuti per lo più alla variante inglese, la Sardegna resta l’unica zona franca in cui il coronavirus sta dando un po’ di respiro.

Il governatore ha imposto il tampone a chiunque voglia arrivare sull’isola e, nonostante la campagna vaccinale stenti a decollare, ha riproposto l’idea del passaporto sanitario in vista della stagione turistica ormai alle porte.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Vaccino Covid, novità importante per chi si è già infettato: di che si tratta

Cosa servirà per entrare in Sardegna da lunedì

Essere un’isola in questa situazione, afferma Solinas, diventa un vantaggio perché possono essere controllati tutti gli accessi nei porti e negli aeroporti. A chiunque voglia entrare in Sardegna dovrà presentare un tampone con esito negativo eseguito al massimo 48 ore prima. In caso contrario, dovrà effettuare un test rapido al momento. Se il risultato dovesse essere positivo si attiverà tutta la procedura di prassi: quarantena e tracciamento dei contatti.

Christian Solinas è tornato poi a parlare del passaporto sanitario. Per chiunque si sarà vaccinato non sarà necessario esibire il risultato negativo del tampone, ma basterà presentare il passaporto che accerti l’avvenuta vaccinazione. L’idea del tesserino vaccinale potrà essere seriamente presa in considerazione quando la campagna vaccinale sarà a pieno regime e il governatore sardo ha prospettato di riuscire a vaccinare l’intera popolazione dell’isola nel giro di 30/40 giorni. In questo modo, ha concluso Solinas, la Sardegna potrà affrontare con serenità la stagione turistica estiva ormai alle porte.