Covid, cos’è il treno sanitario? La nuova idea per aiutare gli ospedali – VIDEO

La morsa del Covid continua a tenere sotto scacco il nostro Paese. La pandemia non molla la presa e i numeri sono tornati a essere preoccupanti. Inaugurato il treno sanitario: cos’è e a cosa serve.

Mentre nella giornata di oggi è prevista una riunione del Comitato Tecnico Scientifico, con il possibile inasprimento delle norme attualmente in vigore, i numeri della pandemia continuano a far preoccupare. Da giorni la curva si assesta sui 20 mila contagi accertati quotidiani. Ieri è stata superata la cifra dei centomila morti per Covid da inizio pandemia. La situazione è drammatica, a causa soprattutto delle varianti che da settimane circolano nel nostro Paese e che contribuiscono all’innalzamento della curva dei contagi.

Lo spettro della terza ondata continua ad aleggiare sull’Italia, con il nuovo picco dei nuovi positivi che sembra essere atteso per l’inizio di aprile. L’emergenza sanitaria insomma continua e c’è preoccupazione all’interno degli ospedali, dove le già intasate terapie intensive potrebbero presto tornare nella situazione di dodici mesi fa. Proprio per alleggerire le strutture ospedaliere è stato “progettato” e inaugurato ieri il treno sanitario, un mezzo esclusivamente destinato ai pazienti più gravi e al loro trasferimento da un nosocomio all’altro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Covid, l’allarme di Mario Draghi

Treno sanitario, non solo per i pazienti Covid

 

Otto carrozze equipaggiate per un massimo di 21 malati, e destinate al loro trasporto da un ospedale all’altro. Non solo in Italia, il mezzo viaggerà in tutta Europa, dove e qualora necessario, e sarà destinato non solamente ai pazienti più gravi affetti dal Covid. Rappresenta un’integrazione al servizio sanitario e al contempo si propone di alleggerire la pressione sulle strutture già fortemente gravate dall’emergenza Coronavirus.

Il progetto è stato realizzato dal Gruppo FS Italian in collaborazione con Dipartimento della Protezione Civile, Regione Lazio, Croce Rossa Italiana e Agenzia Regionale Emergenza Urgenza della Lombardia. Sul convoglio viaggerà, oltre ai pazienti, anche personale medico specializzato.