Riunione nuovo Dpcm: l’Italia verso la chiusura, le novità

Prevista per oggi una riunione per modificare le norme contenute nell’ultimo Dpcm. Si va verso un’ulteriore stretta alla luce di un nuovo aumento dei contagi. Italia chiusa nei weekend?

Lockdown
Stretta in arrivo? Negozi e ristoranti di nuovo chiusi (GettyImages)

Di fronte alla circolazione delle varianti del Covid, inglese e brasiliana su tutte, l’Italia si appresta ad andare incontro a una nuova chiusura. È quanto trapela in vista della riunione prevista per oggi e che vedrà coinvolti i rappresentanti di Governo assieme a quelli del Comitato Tecnico Scientifico. Da giorni ormai la curva dei nuovi positivi si assesta sui 20000 giornalieri, con i decessi che hanno superato di recente quota 100000 da inizio pandemia. Numeri preoccupanti, con il pericolo terza ondata che pare ormai essere diventato realtà.

Il nuovo picco è previsto per l’inizio di aprile: si teme che si possa arrivare anche a 40.000 contagiati quotidiani, per questo l’Italia sembra pronta a chiudere di nuovo, almeno durante i prossimi weekend. Le norme vigore insomma non sono più sufficienti e il Dpcm in vigore subirà delle modifiche proprio oggi. Scongiurata, almeno per ora, l’ipotesi chiusura generalizzata per tre settimane (invocata da molte autorità mediche), pare che il lockdown possa interessare solamente i fine settimana.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Covid, il caso dei fake sms agli over 80

Nuovo Dpcm, cosa succede a bar e ristoranti

Le misure saranno discusse oggi e entreranno in vigore molto probabilmente già nel prossimo weekend del 13 e 14 marzo. Al vaglio, per i fine settimana, due ipotesi: o lockdown totale (come quello della scorsa primavera, che permetteva di uscire solamente in caso di lavoro o necessità), oppure spostamenti limitati all’interno del proprio comune con mantenimento del coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino, come durante le feste di Natale.

natale covid
Persone in mascherina (Getty Images)

Bar e ristoranti quindi andrebbero incontro a una nuova chiusura in tutto il Paese, permessi solo l’asporto (fino alle 18 dai bar) e la consegna a domicilio. In zona gialla invece possibile stop alle attività commerciali. Ulteriori aggiornamenti sono comunque attesi nelle prossime ore.