Covid, l’annuncio dell’esperto: quanto manca per tornare alla normalità

Il Covid-19 purtroppo continua a condizionare la vita di tutti noi e non lascia tregua al mondo. Un noto esperto in Italia ha annunciato i tempi in cui si potrebbe tornare alla normalità

Covid-19 infermiera
Infermiera Covid-19 (Getty Images)

Il Covid-19 rappresenta per tutti noi un ostacolo enorme nelle nostre abitudini quotidiane. Ormai da più di un anno ha totalmente stravolto la nostra routine e cambiato inevitabilmente il modo di vivere. Impone restrizioni doverose ma particolarmente complicate da osservare nel mondo occidentale. Nonostante l’arrivo dei vaccini, ancora per alcuni mesi, saremmo costretti a rispettare le regole dettate dal Governo e dalle istituzioni sanitarie per il contenimento della pandemia.

Sono in moltissimi che, però, ormai sono sempre più stanchi di dover convivere con le restrizioni vigenti. Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, ha fatto il punto della situazione. Ha riferito sullo stato in cui ci troviamo attualmente nella lotta alla pandemia e sui tempi che potrebbero volerci per tornare definitivamente alla normalità.

LEGGI ANCHE >>> Covid-19, il bollettino del Ministero della Salute del 10 marzo 2021

Covid, Rezza detta i tempi per uscire dalla pandemia: le sue dichiarazioni

Giovanni Rezza
Giovanni Rezza

Al Senato Rezza ha esposto i tempi in cui si potrebbe uscire dalla pandemia e le motivazioni: “Abbiamo messo a punto insieme all’Istituto superiore di sanità e la Fondazione Bruno Kessler un modello matematico per cercare di capire quando riusciremo a tornare a una pseudo normalità nello stile di vita. Se ipotizziamo ci sia protezione dall’infezione e non solo dalla malattia con i vaccini anti Covid, se prendiamo a riferimento una durata dell’immunità di 2 anni e considerando nessun rilassamento per ora delle misure di distanziamento, vaccinando circa 240mila persone al giorno, riusciamo nel giro di 7-13 mesi probabilmente a tornare a uno stile di vita pre-pandemico, che ci permetta di riaprire buona parte delle attività”. Vaccinare sarà quindi l’arma essenziale per tentare di uscire dalla pandemia il prima possibile: ora occorre alzare il ritmo per rispettare i tempi.