Vaccino Covid, Trump si prende il merito: “Lo farete grazie a me”

Nuovo commento polemico da parte di Trump che, in un suo post uscito nella notte, si è preso il merito della situazione e dice agli americani di non dimenticarlo

Vaccino Covid
vaccino Covid (fonte Getty Images)

Nonostante un’uscita dai giochi non proprio felice, Donald Trump sembra non trovare pace. Dopo aver affermato qualche settimana fa che non passerà molto tempo prima del suo ritorno, oggi ritorna alla carica e ricorda agli americani di ringraziarlo e non dimenticarlo mai.

Nel mondo la distribuzione e somministrazione dei vaccini va avanti a rilento e la pandemia non sta arretrando. In tutti i Paesi infatti è alta l’attenzione sulla situazione delle prossime ore. In Germania preoccupa di nuovo l’aumento dei contagi, circa 15.000 nelle ultime 24 ore. Mentre in Italia tutto il paese resta in attesa delle nuove direttive che, a quanto pare, vedranno in campo ulteriori restrizioni.

Ma mentre il mondo è intento in una lotta comune al Covid-19, l’ex Presidente degli Stati Uniti d’America pensa a prendersi il merito per il vaccino. Il suo post pubblicato nella scorsa notte, ha innescato nuove polemiche.

LEGGI ANCHE >>> “Oggi Trump tornerà al potere”: l’ultima profezia provoca il caos

Donald Trump: “ricordatevi di me”

Donald Trump
Donald Trump (fonte Getty Images)

Un appello o un semplice promemoria al popolo di cui è stato il Presidente fino a qualche settimana fa. Con un post pubblicato sui social, il Tycoon si prende il merito del vaccino anti-Covid distribuito e somministrato negli Stati Uniti d’America.

“Se non fosse stato per me, lo avreste avuto tra cinque anni o forse non lo avreste avuto del tutto”. Così ha scritto Donald Trump, invitando tutti gli americani a ricordarsi di lui quando saranno sottoposti al vaccino. Dunque, una nuova particolare uscita dell’ex Presidente che ha suscitato non poche polemiche.

Attualmente negli States il vaccino è stato somministrato al 10% e proprio ieri il neo eletto Joe Biden ha stanziato ben 14 miliardi di dollari per un piano che ne aiuti la somministrazione. In alcuni Stati però è guerra al governo e, contro ogni regole, si annunciano riaperture al 100%.