Addio a Raoul Casadei, il re del liscio stroncato dal Covid

Raoul Casadei è deceduto a 83 anni dopo aver contratto il virus. Era stato ricoverato all’ospedale di Cesena lo scorso 2 marzo.

Raoul Casadei morto
Il musicista Raoul Casadei (fonte: Instagram)

Non ce l’ha fatta Raoul Casadei. Il musicista diventato famoso per aver composto le più celebri canzoni su cui hanno ballato il liscio milioni di italiani, è stato stroncato dal covid a 83 anni. Era stato ricoverato lo scorso 2 marzo all’ospedale Bufalini di Cesena, ma le sue condizioni si sono aggravate soltanto nei giorni scorsi. Contagiati anche la moglie Pina e i figli.

Il ricovero si era reso necessario in seguito all’abbassamento di saturazione del sangue. I medici del 118, chiamati dalla figlia, gli avevano diagnosticato una polmonite da covid e quindi avevano consigliato di ricoverarlo. La figlia, sentita in quei giorni dall’edizione locale di Repubblica, aveva detto del padre: “Sta benino”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Covid, duro attacco dopo le nuove misure: E’ inaccettabile

Raoul Casadei: la carriera tra le balere di tutta Italia

Nato a Gatteo, in provincia di Forlì-Cesena, Casadei ha girato e conquistato le balere di tutta Italia. Mai però aveva abbandonato la sua terrà. Negli ultimi anni viveva a Villamarina di Cesenatico insieme alla sua famiglia. La passione per il liscio l’aveva ereditata da suo zio Secondo, direttore e fondatore della più famosa orchestra di liscio romagnola. Gli regalò una chitarra quando aveva solo 16 anni e da lì è nato l’amore per la musica.

Negli anni ’70, il periodo in cui esplosero le sale da ballo e il lisco, Casadei fondò la sua orchestra con la quale partecipò al Festivalbar e al Festival di Sanremo. Autore dei più famosi brani che hanno negli anni avvicinato la Romagna al popolo italiano, nel 1981 inaugurò la balera galleggiante “La Nave del Sole“, una motonave che ancora oggi parte dal porto di Cesenatico e porta in giro per la riviera romagnola i turisti a ritmo di lisco.

Nel 2001 lasciò la direzione della sua orchestra al figlio Mirko e nel 2006 partecipò alla quarta edizione dell’Isola dei Famosi. Nel 2014 si fece filmare mentre, in compagnia di Matteo Salvini, intonava il famoso successo “Romagna mia”. Oggi, il leader della Lega, lo ha omaggiato non appena appresa la notizia della sua scomparsa.