Vaccino Covid, priorità ai politici? Caos in tv per le parole di Giovanardi

Monta la polemica sul vaccino anti Covid. Priorità ai politici per le somministrazioni? Le parole di Carlo Giovanardi creano il caos

Carlo Giovanardi
Carlo Giovanardi (Facebook)

Il tema vaccini è decisamente caldo in Italia. Al momento si stanno somministrando le fiale alle fasce più deboli, gli anziani quindi, è contestualmente alle categorie di professionisti più a rischio. Nella fattispecie gli insegnanti. Ma a chi spetta il vaccino per primo? Il tema è strettamente d’attualità, considerati anche i tagli che puntualmente avvengono nelle consegne da parte delle case farmaceutiche.

Una situazione, questa, che ha mandato su tutte le furie il premier Draghi, costretto addirittura a bloccare l’export del vaccino AstraZeneca verso l’Australia. A tenere banco, nelle ultime ore, anche la somministrazione dei sieri ai politici. Rientrano questi nella categoria “privilegiata”? Quella da priorità immediata?

In collegamento con Mattino 5, il politico Carlo Giovanardi ha detto la sua. “E’ una polemica miserabile – ha esordito – tipica di un Paese come l’Italia dove c’è sempre stato odio per la democrazia ed il Parlamento dal fascismo in poi. Io guardo agli Stati Uniti e lì hanno vaccinato per primi i membri del Congresso con consenso generale perché è da lì che parte la battaglia all’epidemia“.

LEGGI ANCHE >>> Vaccino Covid, un’altra categoria avrà la priorità: la novità

Vaccino Covid, le parole di Giovanardi e la replica in studio

Parlamento italiano
Parlamento italiano, lo scranno del premier (Getty Images)

Può fare scandalo la richiesta dei senatori di sottoporsi alle vaccinazioni se uno consideri inutile il Parlamento e la democrazia ed i lavori nelle commissioni“. Giovanardi ha poi voluto fare un parallelo con le altre professioni. “Perché avvocati e magistrati sono stati già tutti vaccinati in Toscana“.

Io mica faccio il parlamentare adesso; me ne sto a casa ed aspetto quando mi toccherà il vaccino, tra un mese o mese e mezzo ma capisco benissimo i colleghi che devono partire, andare a Roma, in Parlamento e stare chiusi nelle stanze“.

Fiala di vaccino Covid AstraZeneca
Fiala di vaccino AstraZeneca (Getty Images)

La giornalista Sabrina Scampini, in studio, ha espresso dissenso. “Non sono d’accordo se parliamo di politica in generale includendo tutti, dai sindaci ai consiglieri fino agli assessori. Ognuno aspetti il suo turno“.