Covid, pronta la nuova stretta: firmata l’ordinanza. Tutte le novità

Il Covid-19 rappresenta purtroppo ancora un tema di grande attualità. Il virus continua a circolare e a dare grandi problemi alla sanità e alla politica nazionale. Pronta una nuova stretta nella Regione: tutte le novità

Mario Draghi con la mascherina
Il Premier Mario Draghi (Getty Images)

A più di un anno dall’esplosione dei casi nel mondo e in Italia, il Covid-19 continua a condizionare la vita di tutti noi. Il virus ha completamente stravolto le nostre abitudini e la nostra routine, causando purtroppo un altissimo numero di contagi e vittime. Ancora oggi, la situazione necessita di grande controllo. Le misure restrittive vengono prontamente aggiornate e proporzionate ai dati man mano in arrivo dalle Regioni. Neanche con l’arrivo del vaccino si può cantare vittoria nella guerra contro il virus, anzi bisogna continuare a tenere la guardia altissima se non si vuole assistere a nuove impennate sempre più gravi di contagi.

Negli scorsi giorni, aveva destato particolare attenzione la situazione in Sardegna. La decisione per l’isola aveva fatto discutere: è entrata, infatti, in zona bianca, l’unica regione d’Italia a farlo. Purtroppo, però, gli spostamenti verso la Regione non sono affatto piaciuti e hanno costretto a un nuovo giro di vite. Una stretta necessaria per far sì che il virus non torni a circolare in maniera massiva. E’ arrivata, dunque, una nuova ordinanza già firmata dal Presidente Solinas per controllare la situazione.

LEGGI ANCHE >>> Covid, ok definitivo alla giornata della memoria: la data e di cosa si tratta

Covid in Sardegna, firmata l’ordinanza: stretta per le seconde case

Covid regole spostamenti
Stazione ai tempi del Covid – Immagine di repertorio (Getty Images)

La Sardegna ha scelto, dunque, di adottare una linea decisamente dura per difendersi dal virus. I proprietari di seconde case non residenti potranno sbarcare nella Regione solo per comprovate esigenze lavorative o a causa di motivi di salute. Andrà comunque presentata la certificazione di vaccinazione avvenuta o di aver effettuato un tampone negativo. L’ordinanza, adottata dal presidente Solinas, sarà valida nell’arco di tempo che va dal 18 marzo al 6 aprile.