Covid, ipotesi per l’estate: come potremo tornare a viaggiare

In vista dell’estate spunta un’interessante ipotesi per tornare a viaggiare in tempo di pandemia Covid. Ecco di cosa si tratta

Una spiaggia in estate prima della pandemia Covid-19
Una spiaggia in estate prima della pandemia da Covid (getty images)

Ad ormai più di un anno dallo scoppio della pandemia da Covid-19, la voglia di tornare a vivere una vita normale è palpabile. Dopo un’estate contrassegnata dalla paura del contagio, sembrerebbe che anche per quest’anno l’ombra del coronavirus aleggerà sulla bella stagione.

In molti non vedono l’ora di godersi le giornate soleggiate all’aperto sperando anche di tornare a viaggiare per divertirsi scoprendo nuovi posti e culture diverse. Il settore del turismo è stato, infatti, uno dei più colpiti dalla pandemia. Ormai il prendere un aereo, il salire su un treno o il salpare a bordo di una nave, sembra un ricordo davvero lontano nel tempo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Estate 2021, gli Stati si preparano: cosa cambia per i viaggi e i costi

L’ipotesi per tornare a viaggiare ai tempi del Covid

Avviso riguardante i viaggi durante la pandemia da Covid-19
Avviso riguardante i viaggi durante la pandemia da Covid-19 (getty images)

La voglia di tornare a viaggiare è veramente tanta, per questo si sta facendo strada in Europa un’ipotesi davvero molto interessante. Si tratta di una sorta di passaporto vaccinale o green pass. Questo documento sanitario permetterebbe di dimostrare di non essere affetti da Covid-19. La certificazione dovrebbe essere comune a tutti gli Stati membri dell’Unione europea e costituirebbe un vero e proprio lascia passare per poter valicare i confini del proprio Paese.

Il passaporto dovrebbe riportare tutte le informazioni necessarie affinché si certifichi che la persona a cui corrisponde tale documento si sia vaccinata contro il Covid, oppure lo abbia già contratto e sia guarita, o che abbia effettuato un tampone con risultato negativo. In questo modo le frontiere d’Europa tornerebbero ad aprirsi con la certezza che la malattia non abbia possibilità di diffondersi.