Vaccino Covid, in Lombardia la campagna si rallenta: colpa degli sms fantasma

Campagna vaccinale anti Covid rallentata in Lombardia a causa del malfunzionamento della piattaforma predisposta all’invio dei messaggi di avviso

dose vaccino anti covid
Dose di vaccino anti-Covid (getty images)

Nuovi rallentamenti e disagi per i cittadini nell’ambito della campagna vaccinale in Lombardia. Alla fiera di Cremona è stato allestito un grande centro vaccinale. Ieri in mattinata, i medici e gli infermieri pronti ad inoculare il vaccino, si sono ritrovati a vivere momenti davvero incredibili. Nonostante fosse tutto accuratamente approntato per fornire il servizio di vaccinazione, nessuno si è presentato.

La colpa di questo malfunzionamento sarebbe da addebitarsi ad un “bug” nel sistema della piattaforma gestita da Aria, preposta ad inviare i messaggi di avviso alla cittadinanza. Di fronte a tale scenario, è dovuto scattare il piano d’emergenza. L’Atts ha chiamato telefonicamente i lombardi in lista convocandoli.

Il sindaco di San Bassano (Cremona), Giuseppe Papa ha selezionato gli ultraottantenni dagli elenchi comunali. Successivamente, li ha ritirati attraverso due pulmini e portati al centro vaccinazione.  Nonostante gli sforzi posti in essere, a mezzogiorno erano state iniettate solamente 133 dosi a fronte delle circa 600 disponibili.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Covid-19, il bollettino del Ministero Della Salute del 21 marzo 2021

Cos’è Aria, la responsabile del rallentamento della campagna vaccinale anti Covid in Lombardia

vaccino inoculato
Inoculazione di un vaccino (getty images)

Aria Lombardia, è la centrale unica di acquisti della Regione che ha siglato, proprio con la Lombardia, un contratto di 6 mesi da febbraio a luglio 2021. Davide Caparini, un esponente leghista, è l’ideatore di Aria, mentre il forzista Francesco Ferri ne è il presidente.

Nonostante sia la più grande centrale acquisti dopo Consip, Aria è diventata famosa solo ultimamente “grazie” agli errori nella gestione dell’emergenza pandemica ed, infine, del piano vaccinale.

I malfunzionamenti ai danni di una delle regioni italiane più fortemente segnate dal Covid, non fanno che aumentare nei cittadini il sentore di disagio e il sentimento di stanchezza rispetto a questa drammatica situazione.