Covid-19, il bollettino del Ministero della Salute del 24 marzo

Il Ministero della Salute ha diramato i dati del bollettino relativo al 24 marzo del Covid-19. Aumentano i contagiati, diminuiscono i decessi

Covid-19 bollettino 24 marzo
Covid-19 bollettino 24 marzo (Min. Salute)

Il Covid-19 continua a colpire l’Italia, ormai in piena terza ondata, sopraffatta dalle varianti, inglese in primis. E’ aumentato il numero dei contagiati, ben 21.267 a dispetto dei circa 18mila di ieri; la “buona notizia” arriva dei decessi, in calo, con 460 morti contro i 551.

Numeri ancora pesantissimi che preoccupano non poco il governo italiano, costretto a tenere ancora per qualche settimana le restrizioni già imposte. Sono ben 363.767 i tamponi effettuati, 20.132 invece i guariti, con l’aumento del tasso di positività ora al 5,8%. Salgono i ricoveri in terapia intensiva, ben 42 in più rispetto a ieri.

La Lombardia è ancora la maglia nera d’Italia, con 4.282 nuovi contagi e la soglia dei 30mila morti sfondata. Intanto proseguono le vaccinazioni sull’intero territorio nazionale. Ben 230mila le inoculazioni realizzate nelle ultime 24 ore con 8.346.445 di dosi somministrate. “Si punta a vaccinare mezzo milione al giorno” le parole del premier.

LEGGI ANCHE >>> Covid, proroga delle restrizioni pasquali: l’ipotesi preoccupa

Covid-19, tensione UE-UK sull’export dei vaccini

Dose Vaccino Covid-19
Una dose di vaccino Covid-19 (Getty Images)

Intanto proseguono le tensioni proprio sulle vaccinazioni; l’Unione Europea è fortemente irritata con il Regno Unito sulle dosi di AstraZeneca e la Commissione ha dato una revisione all’autorizzazione all’export dei vaccini. La proporzionalità e la reciprocità saranno ora fondamentali ed ogni domanda sarà vagliata.

Bruxelles ha il chiaro obiettivo di non danneggiare i 27 Paesi membri ed il loro approvvigionamento. Valdis Dombrovskis, il vicepresidente della Commissione Europea, ha evidenziato proprio inadempienze di AstraZeneca sostenendo come non siamo giunte nemmeno 30 milioni di dosi, meno di un quarto rispetto al contratto originale firmato di forniture.

infermieri Covid-19
Infermieri Covid-19 (Getty Images)

Da qui la richiesta di proporzionalità nei confronti del Regno Unito, considerato come Bruxelles abbia esportato 10 milioni di dosi ricevendone zero. E la stessa Ursula Von der Leyen, Presidente della Commissione Ue, ha evidenziato come vi sia in entrambe le direzioni l’export.