Cassano contro Speravo de morì prima, lo sfogo: “Non c’entra niente”- VIDEO

Non è andato giù a Cassano il modo in cui l’hanno rappresentato e reso nella serie Speravo de morì prima. Fantantonio è comparso nel terzo episodio, ieri lo sfogo alla Bobo tv.

cassano attore serie
L’attore che interpreta Cassano nella serie – da Twitter

Speravo de morì prima è la serie che sta catalizzando le attenzioni degli appassionati di calcio, ma non solo. La produzione incentrata sugli ultimi due anni di carriera di Francesco Totti e che ripercorre, attraverso numerosi flashback, la sua vita privata e professionale. Non poteva mancare Antonio Cassano nella serie, il compagno con il quale forse l’ex capitano giallorosso si è trovato meglio in campo, ma anche colui che lo accolse a casa sua dopo il trasferimento dal Bari.

Un giovanissimo Cassano, arrivato a Roma, fu ospitato a casa Totti per un lungo periodo di tempo, consolidando un’amicizia che in campo sfociava in grandi giocate. A Fantantonio però non è andata giù la rappresentazione che hanno fatto di lui nella serie (viene interpretato da Gabriel Montesi) e in un intervento alla Bobo tv si è sfogato.

Nel mirino sia l’interpretazione dell’attore (comunque di origini romane) e la resa della storia, lontana secondo Cassano dalla realtà effettiva dei fatti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Speravo de morì prima, i meme spopolano sui social

Speravo de morì prima, Cassano: “Totti? Lo ringrazierò per sempre”

Cassano/Montesi nella puntata compare principalmente nei flashback di Totti/Castellitto, e non è sicuramente tra i protagonisti della vicenda. “Il film è venuto bene, ma la realtà non c’entra niente con il film” tuona il vero Fantantonio nel suo intervento su Twitch, “Se realmente si racconta la realtà ci voglio 10 anni per raccontare quello che io ho fatto a Roma”.

Cassano ringrazia di nuovo pubblicamente Totti per averlo accolto nella sua casa e averlo fatto sentire in famiglia, poi però prosegue nel su sfogo: “Mi hanno fatto passare come quello che urlava, faceva casino, mangiava quello e quell’altro. La casa degli amici non è casa mia” ha detto l’ex talento barese, specificando come lui in casa Totti abbia sempre rispettato la famiglia che lo stava ospitando.