Usa, l’ex consigliere di Trump attacca Fauci: “Tutta colpa sua”

Dagli Usa arrivano delle accuse pesanti ad Anthony Fauci, immunologo a capo della task force covid della Casa Bianca.

Anthony Fauci accuse
L’immunologo americano Anthony Fauci (fonte: Getty Images)

Peter Navarro, ex consigliere di Donald Trump per il Commercio, ci è andato giù pesante. “Fauci è il padre del virus” ha detto, alimentando le teorie complottiste che circolano sui siti americani di estrema destra. Anthony Fauci è l’immunologo statunitense che è stato sotto la presidenza Trump a capo della task force contro il coronavirus. Fauci continua a svolgere il suo compito anche con Biden, ma oggi le accuse al suo indirizzo di Navarro sono pesantissime.

Intervistato ai microfoni di Fox News, Navarro ha alimentato delle teorie complottiste di estrema destra sulle origini del coronavirus. Fauci, secondo l’ex consigliere trumpiano, avrebbe finanziato i laboratori di Wuhan dai quali si sarebbe diffuso il virus.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Covid, Ilaria Capua avverte: “Il virus? Nemmeno il vaccino lo sconfiggerà”

“Lo chiamo il virus Fauci”: dagli Usa l’accusa di Navarro

Secondo quanto dichiarato a Fox News, i due si sarebbero scontrati più volte sulla gestione della pandemia quando lui era ancora alla Casa Bianca. Anthony Fauci avrebbe pagato i laboratori cinesi di Wuhan con i soldi dei contribuenti americani e, sempre secondo Navarro, avrebbe autorizzato il Partito Comunista Cinese a modificare geneticamente il virus. “Ormai lo chiamo virus Fauci” ha detto il politico riferendosi al coronavirus e attribuendo pienamente al dottor Fauci la responsabilità di aver ucciso oltre un milione di americani.

Le accuse nei confronti dell’immunologo non sono una novità. Come detto prima, circolano già da tempo su siti estremisti della destra americana. A creare scalpore nell’opinione pubblica è che a riportarle davanti al grande pubblico sia la voce di Peter Navarro, esponente di spicco della politica statunitense che ha occupato un ruolo di primissimo piano durante la presidenza di Donald Trump.