Juventus, Dybala e altri due giocatori nei guai: Carabinieri a casa

Incedibile quanto avvenuto in casa Juventus. Società imbufalita con alcuni giocatori, tra i quali Paulo Dybala, che hanno partecipato nella notte a una festa violando norme anti Covid. Sanzioni in arrivo.

Paulo Dybala (Getty Images)

In queste restanti settimane da qui alla fine della stagione Paulo Dybala si gioca la permanenza alla Juventus. Non inizia però nel migliore dei modi il calciatore argentino, finito nella bufera assieme ad altri giocatori bianconeri per un fatto extra campo. Una vicenda che non fa altro che inasprire il già teso clima all’interno della società e dello spogliatoio: i campioni d’Italia sono reduci dalla clamorosa eliminazione dalla Champions League per mano del Porto, e nell’ultima di campionato hanno incassato il clamoroso ko interno contro il Benevento.

Non è quindi una situazione serena per i bianconeri, e quanto successo la scorsa notte ha dell’incredibile se consideriamo il contesto generale. Sembra infatti che Dybala, McKennie e Arthur abbiano preso parte a una festa con una decina di persone a casa dello statunitense. Le forze dell’ordine, insospettite, sono intervenute e ora la vicenda è praticamente su tutti i giornali.

La Juventus è inferocita per quanto accaduto e molto probabilmente sanzionerà i suoi giocatori. Sabato intanto si torna in campo: alle ore 18:00 il derby contro il Torino.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Ronaldo, la bufera social è contro di lui

Juventus: multa per Dybala e gli altri?

Ieri pomeriggio, come testimoniato sui social, McKennie aveva invitato alcuni amici a casa sua per allenarsi in palestra. Evidentemente poi il festino ne è stato la “naturale” prosecuzione, ma con anche Dybala e Arthur presenti in casa. L’intervento dei carabinieri dopo una segnalazione dei vicini, con le forze dell’ordine che verso le 23:30 (ben oltre il coprifuoco) ha trovato i calciatori nel bel mezzo di un party. Sembra che tra i reati ci sia anche quello di resistenza a pubblico ufficiale: i carabinieri infatti hanno atteso oltre un’ora fuori dal cancello, con McKennie che non voleva farli entrare nella proprietà.

La Juventus è chiaramente indispettita da questa situazione e potrebbe presto sanzionare i suoi tesserati. E clamorosamente escluderli dalla gara contro il Torino.