Fake news, la protesta italiana anti Covid diventa virale: ma risale al 2013

E’ diventato virale un video in cui i poliziotti brasiliani si schierano dalla parte delle proteste anti-Covid. Ma è una fake news.

Bolsonaro, capo del governo in Brasile
Jair Bolsonaro, presidente del Brasile (fonte Getty Images)

Il Brasile è uno dei paesi più colpiti dalla pandemia. Sono tante infatti le manifestazioni nel paese. C’è chi si schiera contro il Governo Bolsonaro perché non avrebbe fatto abbastanza per contenere i contagi e c’è chi invece non vuole più le restrizioni. Così come in molte nazioni, la gente scende in piazza per dire la sua ma il video che impazza sul web è una fake news.

E’ notizia di ieri che il bilancio delle vittime nel paese del carnevale ha superato quota 330mila. La nazione è duramente colpita dal Covid e la gente è davvero esausta. A far parlare del Brasile oggi è però un’altra storia. Un video che mostra dei poliziotti schierarsi accanto ai manifestanti sta facendo il giro del mondo, peccato però che si tratti di una notizia non vera.

A far scattare il fact checking è la rivista O Globo che ha svelato la verità. Nel video si parla di agenti che sostengono i manifestanti contro le restrizioni imposte ma è un falso. E nella storia diventata ormai virale, c’entra anche l’Italia.

LEGGI ANCHE >>> Covid, accusa gravissima: vaccino a minorenni. “L’hanno tolto a chi è morto”

Fake news, le immagini dei fatti di Torino

Poliziotti durante manifestazioni in piazza
Poliziotti in piazza (fonte Getty Images)

Il video sta facendo il giro del mondo. Divulgato ampiamente in Brasile e postato anche sul web della Russia e della Polonia, le immagini sono false, o meglio scambiate in un contesto spazio temporale che non è quello odierno.

La clip è della testata Il Fatto Quotidiano e risale esattamente al 2013. Le immagini mostrano i poliziotti di Torino che si tolgono il casco durante una manifestazione anticrisi dei Forconi. Un gesto di solidarietà ai manifestanti o per evidenziare una minore tensione in piazza. Di certo, qualsiasi sia la verità, il video non ha nulla a che fare con le manifestazioni in Brasile contro le misure anti Covid.