Alessandra Amoroso, il retroscena sul passato: “Mi sentivo in colpa”

Alessandra Amoroso si è lasciata sfuggire un retroscena sul suo passato, la cantante ha fatto sapere perché spesso si sentiva in colpa

Alessandra Amoroso sorriso
La cantante Alessandra Amoroso (Screenshot da Instagram)

Alessandra Amoroso è diventata famosa dodici anni fa grazie alla sua partecipazione ad Amici, da quel momento ha conquistato un successo dietro l’altro. Ad oggi è amatissima dai suoi tantissimi fan, questi non vedono l’ora di ascoltare i suoi due nuovi brani in uscita oggi e domani.

LEGGI ANCHE >>> Alessandra Amoroso, l’annuncio fa impazzire i fan: date e dettagli

In occasione dell’Artista Day, un’iniziativa del Corriere della Sera e Radio Italia che omaggiano per 24 ore un artista, Alessandra Amoroso si è lasciata sfuggire un retroscena sul suo passato. Al Corriere della Sera la cantante ha confessato che spesso in passato si è chiesa se meritava davvero il successo.

La nota ed amatissima cantante ha fatto sapere che si sentiva responsabile per tutti coloro che per andare ad un suo concerto dormivano in tenda. Ha poi svelato che per il tempo che non riusciva a dedicare alla sua famiglia si sentiva in colpa.

Alessandra Amoroso parla del lockdown e delle sue paure

Alessandra Amoroso sorridente
La cantante Alessandra Amoroso (Screenshot da Instagram)

La cantante ha fatto sapere di aver trascorso da sola con il suo cane il lockdown, per lei non è stato semplice. Ha raccontato di aver avuto paura della solitudine e del buio. È stato periodo che l’ha segnata molto. Quando era piccola ha sempre dormito con una sorella, ha rivelato che era la fifona della famiglia. La Amoroso ha detto di aver sempre avuto paura del buio, solo ora non accende più la luce se di notte va in bagno.

Alessandra Amoroso ha fatto poi sapere di essersi ascoltata durante il lockdown. A detta sua ha scoperto di essere stata sempre il limite di se stessa. Si dava delle regole, pensava sempre che non ce l’avrebbe fatta, si criticava molto e pensava che non meritava quello che aveva. Adesso però ha voltato pagina e sa chi è.