Recovery Plan, Draghi stabilisce le tre priorità: “Occasione storica”

Il Presidente del Consiglio Mario draghi stabilisce le tre priorità per il Recovery Plan. Secondo il Capo del Governo si tratta di “un’occasione storica”

Mario Draghi sposta una sedia
Il Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi (getty images)

Dopo l’incontro con gli Enti Locali sul Recovery Plan, il Presidente del Consiglio Mario Draghi nella conferenza stampa che è seguita annuncia le tre priorità del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Il discorso del Capo del Governo è iniziato affrontando l’argomento della pandemia Covid-19. In particolar modo, le parole del premier hanno riguardato la campagna vaccinale: “Con che coscienza la gente salta la lista, sapendo che lascia esposto a rischio concreto di morte persone over 75 o persone fragili“.

Presente alla conferenza stampa anche il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Franco Locatelli che ha parlato, tra l’altro, del vaccino AstraZeneca: “La scelta di raccomandare un uso preferenziale di questo siero, che è comunque approvato oltre i 18 anni, risponde al duplice obiettivo di coprire le popolazioni più fragili e di protegger coloro in cui vi è stata un’incidenza maggiore dell’osservato, cioè sotto i 60 anni, da queste complicanze“. Locatelli ha comunque sottolineato la rarità dei casi interessati da queste complicanze.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Mario Draghi e la moglie vaccinati con AstraZeneca: “Mi ha rubato la scena” – FOTO

Mario Draghi annuncia le priorità del Recovery Plan

mario draghi sistema i fogli
Mario Draghi (getty images)

Nel corso della conferenza stampa Mario Draghi ha ribadito quali debbano essere le tre priorità del Recovery Plan: Giovani, Parità di Genere e Sud. Accanto a questi tre punti sorgono anche sei missioni: Digitalizzazione, Transizione Ecologica, Infrastrutture, Istruzione e Ricerca, Inclusione e Coesione e Salute.

Per i giovani è in programma il rilancio degli istituti di formazione professionale (Its) e l’ampliamento dell’accesso ai sussidi, agli alloggi e agli sgravi fiscali per i coloro i quali siano in condizioni economiche precarie.

Per valorizzare il ruolo delle donne, invece, si starebbe pensando alla promozione di imprese femminili. Lo sviluppo del Sud, invece, pare poggiare, in parte, sull’investimento nelle infrastrutture e nei trasporti. 

Il Presidente del Consiglio ha sottolineato come “Dobbiamo essere consapevoli della portata storica di questo piano, è un’occasione unica“, aggiungendo: “É importantissimo spendere e spender bene“.