La Vita in Diretta, Alberto Matano sostituito: scelto l’erede

Alberto Matano sta per essere sostituito al timone de “La Vita in diretta”. Ecco qual è il nome dell’erede del giornalista di Rai 1

Alberto Matano sorridente
Il conduttore de “La Vita in diretta” Alberto Matano (screenshot da Instagram)

Alberto Matano sta per essere sostituito al timone del contenitore pomeridiano di Rai 1 “La vita in diretta”. Dopo un anno di successi, il programma ha infatti sempre superato la concorrenza, è arrivato per il giornalista il momento di pensare ad un periodo di vacanza.

Sempre pronto sul pezzo, il conduttore dello storico talk show è stato impegnato per tutta la stagione televisiva quotidianamente alla guida della trasmissione, fornendo un grande esempio di professionalità.

Dopo le polemiche con la ex compagna d’avventura Lorella Cuccarini, la conduzione è stata lasciata interamente nelle sue mani. I risultati strabilianti si sono iniziati a vedere sin dal primo periodo della messa in onda: gli ascolti sono stati sempre più che soddisfacenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> La Vita in Diretta, il racconto dell’ospite commuove Matano: “Siamo distrutti”

L’ “erede” di Alberto Matano a “La vita in diretta”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alberto Matano (@albertomatano)

Come ogni anno, il palinsesto estivo di Rai 1 inizia nel mese di giugno. Per quella data dovrà essere trovato, secondo un’indiscrezione di TvBlog,  un degno erede di Alberto Matano alla guida dei pomeriggi del primo canale della televisione pubblica.

Il nome definitivo ancora non si conosce, ma sono in molti a credere che possa trattarsi di un volto femminile. C’è chi si azzarda già a fare delle ipotesi. Sono stati fatti i nomi di Giorgia Cardinaletti, Laura Chimenti ed Emma D’Aquino come possibili nuove presentatrici della versione estiva del talk show. Tutte e tre figure validissime che andrebbero sicuramente a fare un grande lavoro per la piena riuscita della trasmissione di Rai 1.

Per conoscere il nome dell’ “erede” di Alberto Matano, però, si dovrà ancora attendere qualche settimana.