Viaggi in Croazia: c’è già il via libera per i turisti italiani

Una buona notizia per chi ama viaggiare: ieri la Croazia ha riaperto i suoi confini e gli italiani sono ammessi per motivi di lavoro e comprovate ragioni economiche tra cui anche il turismo.

L’estate è alle porte ma l’emergenza coronavirus ha scombussolato i piani degli amanti dei viaggi. Tra le mete più gettonate nei mesi estivi in Europa c’è senza dubbio la Croazia, approdo di anno in anno di tantissimi turisti italiani. La località balneare più famosa e visitata da italiani e non è Dubrovnik. Il turismo è una fonte di ricchezza per l’intera Croazia che ha deciso così di non perdere tempo per cercare di salvare il settore in questo periodo così complicato.

Come scrive Repubblica.it ieri il governo croato, per provare a ridare subito slancio al turismo duramente colpito dalla pandemia da coronavirus, ha riaperto senza alcuna restrizioni i confini per i cittadini di Austria, Germania, Ungheria, Repubblica Ceca, Estonia, Lettonia, Polonia, Lituania, Slovacchia e Slovenia.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI >>> Ryanair riparte, EasyJet si tira indietro: “Stop ai viaggi in Italia”

Viaggi in Croazia, le cose da sapere per i turisti italiani

Viaggi in Croazia
Dubrovnik (Getty Images)

Tra i cittadini europei che possono entrare senza restrizioni in Croazia al momento non figurano gli italiani. Chi ha però in mente di viaggiare in Crozia – nonostante l’appello del premier Giuseppe Conte a visitare solo l’Italia nel corso dell’estate – può stare tranquillo.

Sarà infatti comunque possibile entrare nel territorio croato per motivi di lavoro e per “comprovate ragioni economiche”. Tra queste vengono associate – anche per i cittadini dei Paesi dell’Unione Europea ancora soggetti a limitazioni – le finalità turistiche.

E così per entrare in Croazia basterà esibire alla dogana una prova della prenotazione in un albergo o in qualsiasi altra struttura ricettiva. Il ministero degli Esteri croato consiglia vivamente di segnalare in anticipo l’arrivo compilando un modulo disponibile sul sito del ministero degli Interni croato.

E così anche gli italiani che avevano già programmato un viaggio in Croazia nei mesi scorsi senza ancora disdirlo potranno tranquillamente recarsi nella destinazione preferita.