Riprendono i viaggi tra Regioni: le perplessità del virologo Crisanti
Riprendono i viaggi tra Regioni: le perplessità del virologo Crisanti

Riprendono i viaggi tra Regioni: le perplessità del virologo Crisanti

Al via il prossimo 3 giugno i viaggi tra le regioni. Ma la ripartenza non convince il virologo Crisanti che dichiara: “Anche un solo caso è troppo”. Critica sui dati della Lombardia.

I viaggi tra Regioni stanno per ripartire, ma il virologo Andrea Crisanti, direttore del dipartimento di Medicina Molecolare di Padova, manifesta le proprie perplessità nel corso dell’intervista al Messaggero. Parla di decisione precipitosa per la quale bisognava aspettare. A destare maggiore preoccupazione è la Lombardia, dove ancora non c’è chiarezza sui dati, afferma il virologo.

In buona sostanza per il dott. Crisanti non occorre affrettare i tempi, perché, per quanto i dati siano migliorati “Non siamo ancora usciti dall’epidemia”. Particolare attenzione va poi mostrata nei confronti delle discoteche, che non vanno assolutamente riaperte.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Dietrofront Grecia, viaggi concessi a quasi tutta l’Italia: quattro regioni fuori

Viaggi tra Regioni in ripresa, ma la situazione è ancora critica

Viaggi in ripresa
Viaggi in ripresa (Getty Images)

Non è dunque favorevole Crisanti alla scelta del Governo Conte di permettere i viaggi tra regioni senza distinzioni, specialmente nelle zone come la Lombardia. Nella regione con maggior numero di contagi infatti, ancora oggi si contano tra i 200 e i 300 casi al giorno. Il virologo parte dall’assunto che ogni situazione è potenzialmente a rischio in questo momento, perché ci sono ancora casi positivi e perché anche un solo caso è troppo: “Perché potenzialmente può diffondere il contagio”.

Però la Lombardia presenta un altro problema: la scarsa chiarezza dei dati. I tamponi positivi che vengono comunicati quotidianamente non si sa a quando siano riferiti, non si sa né quando sono stati materialmente eseguiti né quando sono stati richiesti. In base a quanto risulta, si tratta di date anche piuttosto risalenti nel tempo. Questo non aiuta a capire quale sia realmente la portata del problema né permette di fare valutazioni attendibili.