Jadon Sancho, sulla maglia il messaggio anti-razzista: ammonito

La foto del bel messaggio per George Floyd sulla maglia indossata da Jadon Sancho sta facendo il giro del web.

La partita del campionato tedesco giocata domenica alla Benteler Arena, tra il Paderborn, padrone di casa, e il Borussia Dortmund, è finita 6-1 per gli ospiti. Il centravanti inglese del Borussia Jadon Sancho ha segnato tre gol, uno nel primo e due nel secondo tempo. In occasione del primo gol Sancho ha ricevuto un’ammonizione dall’arbitro Daniel Siebert per essersi tolto la maglia durante l’esultanza.

Sotto la maglia c’era un messaggio di vicinanza riferito alla vicenda di George Floyd, l’afroamericano ucciso durante un controllo della polizia a Minneapolis. La sua morte ha generato una vasta indignazione e proteste in tutte le principali città degli Stati Uniti. “Giustizia per George Floyd”, il testo scritto a mano sulla maglietta interna indossata da Sancho e da altri suoi compagni di squadra.

Jadon Sancho
Jadon Sancho (Getty Images)

Sancho è un calciatore di vent’anni, un formidabile attaccante già nella lista dei desideri dei più forti club d’Europa. È inglese, nato a Londra da genitori di Trinidad e Tobago, stato dell’America centrale caraibica.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI >>> Proteste morte Floyd, Trump in un bunker: arrestata Chiara de Blasio

I messaggi di Sancho e degli altri

Nello stesso turno di campionato anche un altro calciatore della Bundesliga ha manifestato solidarietà e vicinanza nei confronti di Floyd. Il giocatore del Borussia Monchengladbach Marcus Thuram si è inginocchiato dopo aver segnato un gol nella partita contro Union Berlin. È un segno di protesta silenziosa che si rifà a quello del giocatore di football americano Colin Kaepernick.

In passato Sancho aveva già mostrato sensibilità rispetto alle tematiche del razzismo. Per l’omicidio di Ahmaud Arbery, il venticinquenne jogger ucciso da due bianchi in Georgia, a maggio scorso, Sancho aveva pubblicamente parlato di disumanità. “I neri meritano meglio di quello che il mondo sta dando loro. Siamo trattati come meno di esseri umani”, scrisse sul suo profilo Twitter.