Niente card, come si può viaggiare in Sardegna: l’idea di Solinas

Possibile viaggiare in Sardegna: niente passaporto sanitario ma altre iniziative del governatore Solinas per aprire al turismo in maniera sicura.

Via libera: si può tornare a viaggiare in Sardegna. Ripartono i collegamenti aerei tra Alghero, Cagliari e Olbia e gli hub nazionali di Roma Fiumicino e Milano, come stabilito dalla ministra dei trasporti Paola de Micheli. Questa ordinanza è stata firmata da Christian Solinas, presidente della Regione. Dietrofront del governatore sulla questione card quindi, ma Solinas ha in mente anche altre idee per arginare la curva epidemiologica. La proposta è quella di una triplice iniziativa: registrazione su una piattaforma della Regione, compilazione di un questionario epidemiologico e il tracciamento con un’app. tutto questo su base volontaria.

Nel provvedimento firmato dal governatore viene ribadito che dal 13 giugno saranno ripristinati i collegamenti aerei con gli altri aeroporti nazionali. Mentre dal 25 giugno saranno ripristinati i voli internazionali. Data da ritrattare se ci dovesse essere una nuova ondata dell’epidemia a causa dei viaggi. Inoltre nello stesso giorno saranno ripristinate le tratte marittime internazionali, così da ripartire sia via cielo che mia mare.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Via agli spostamenti tra regioni: nuove misure sui treni per i viaggiatori

Viaggiare in Sardegna, bonus a chi si sottopone al test

christian solinas
Christian Solinas, governatore della Sardegna, foto di Facebook

Stop quindi all’idea del governatore Solinas di un passaporto sanitario obbligatorio per viaggiare in Sardegna. La Regione però si trova a fare i conti con il bilanciamento tra la voglia di accogliere milioni di turisti e la tutela della salute dei residenti. La Sardegna infatti si aspetta circa 2 milioni di turisti, la metà degli anni passati a causa del COVID-19.

Al vaglio del governatore dell’isola c’è una nuova idea. La distribuzione di un bonus-voucher a tutti i turisti che effettueranno un test per il COVID-19 sull’isola e che presenteranno un certificato di negatività al virus. Il certificato, ovviamente, dev’essere erogato da un laboratorio autorizzato. Così facendo la Sardegna riapre in tutta sicurezza, con dei vantaggi per i turisti che certificano di non essere positivi al Covid-19.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Viaggi in Italia, gli sconti delle Regioni per i turisti