Giancarlo Magalli contro Adriana Volpe: il nuovo attacco
Giancarlo Magalli contro Adriana Volpe: il nuovo attacco

Giancarlo Magalli contro Adriana Volpe: il nuovo attacco

Nuovo capitolo della “guerra mediatica” tra Giancarlo Magalli e Adriana Volpe. Non si placano gli animi tra i due ex colleghi: oggi nuovi attacchi frontali.

Che tra Giancalo Magalli e Adriana Volpe non scorresse buon sangue lo si era capito da tempo, da quando la conduttrice aveva lasciato I fatti vostri dopo un litigio con il presentatore del popolare programma Rai. La Volpe recentemente si è trasferita su TV8, dove con il giornalista Alessio Viola è in cabina di comando di un nuovo programma: Ogni Mattina. I dati di ascolto della trasmissione non certo esaltanti hanno portato Magalli a ironizzare, via social, sullo scarso 0.9% di share fatto registrare recentemente dal programma della Volpe. Che, nell’ultima diretta, ha voluto rispondere per le rime a Magalli e al suo post, pubblicato poi prontamente eliminato. Quando però ormai era troppo tardi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Il social media manager della Cirinnà offende gli utenti

Giancarlo Magalli-Adriana Volpe: nuovo round

Adriana Volpe
Adriana Volpe (Getty Images)

Hai provato per tanti anni a farmi stare zitta, non ci sei riuscito e non ci riuscirai oggi” ha commentato la Volpe, rispedendo al mittente l’ironico attacco di Magalli. Prontamente non si è fatta attendere la nuova risposta del popolare presentatore Rai, che ha voluto gettare ulteriore benzina sul fuoco, attaccando nuovamente la sua ex collega. “Casomai c’è da chiedersi come mai lei sia finita su una rete minore a fare ascolti con lo zero davanti” ha detto un pungente Magalli, chiamando nuovamente in causa gli scarsi dati di ascolto della nuova trasmissione della Volpe.

Chissà se la bionda conduttrice di TV8 vorrà replicare nuovamente a Magalli o se lascerà cadere nel vuoto queste nuove accuse. La risposta la potremmo avere, eventualmente, solo nelle prossime puntate di Ogni Mattina.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> TV, Diaco e l’attacco a Mario Adinolfi