Matteo Salvini a Lampedusa: “I focolai di coronavirus colpa dei migranti”

Matteo Salvini in visita a Lampedusa dichiara ad Andkronos: “Gli ultimi focolai di coronavirus grazie a questa gente”.

Matteo Salvini si trova in visita a Lampedusa a pochi giorni di distanza dalla visita della ministra dell’Interno Luciana Lamorgese. Ad attenderlo c’era un gruppo di simpatizzanti della Lega con dei cartelli. Durante un intervista ad Adnkronos il senatore ha rilasciato alcune dichiarazioni molto pesanti. Secondo il leader della Lega infatti la responsabilità dei nuovi focolai di coronavirus sarebbe dei migranti sbarcati sull’isola. Qualche giorno fa 36 migranti sono risultati positivi al coronavirus in un centro di accoglienza in Basilicata. Salvini ha anche dichiarato che la situazione a Lampedusa sarebbe ormai insostenibile, e che l’economia dell’isola sarebbe in difficoltà. L’ex ministro dell’Interno riporta alcune testimonianze secondo cui molti turisti hanno disdetto le loro prenotazioni sull’isola per la situazione legata ai migranti.

LEGGI ANCHE >>> Allarme coronavirus a Capri: positivi tre giovani turisti

Matteo Salvini a Lampedusa critica il governo

matteo salvini
Matteo Salvini in Parlamento (Getty Images)

Durante la visita di Matteo Salvini a Lampedusa non sono mancate le critiche al governo guidato da Giuseppe Conte. Secondo il segretario della Lega infatti il governo italiano è complice di una tratta di esseri umani. La ragione sarebbe che degli 800 migranti attualmente ospitati sull’isola la maggior parte sarebbero giovani uomini di origine tunisina. La Tunisia infatti è considerata un “paese sicuro” per cui è molto difficile che persone provenienti dal paese nordafricano possano ottenere la protezione internazionale. Oltre alla Tunisia anche Marocco e Algeria rientrano nella lista dei paesi ritenuti sicuri dal governo italiano. La legge che istituisce questa lista è stata approvata ad ottobre dello scorso anno, quando Salvini non era già più ministro dell’Interno. Secondo l’ex ministro la politica “dei porti aperti” è una decisione criminale del governo che avrebbe quadruplicato il numero degli sbarchi in Italia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bollettino coronavirus del 23 luglio: aumentano i contagi