Addio a Tino Brambilla, Ferrari in lutto: morto l’ex pilota

Si è spento nella giornata di ieri, 3 agosto, Ernesto “Tino” Brambilla. L’ex pilota è morto all’età di 86 anni, fratello maggiore di Vittorio, Tino aveva gareggiato sia nel motomondiale che in F1.

Lutto nel mondo dei motori, è morto a Monza all’età di 86 anni l’ex pilota Tino Brambilla. Ernesto, per tutti “Tino”, è stato un pilota professionista tra gli anni ’50 e ’60, gareggiando sia in moto che in F1, era l’uomo di fiducia di Enzo Ferrari, negli anni ’60 lavorò spesso per la scuderia del cavallino rampante. Lo stesso Enzo Ferrari, grande estimatore di Tino, oltre a usarlo come collaudatore, lo ingaggiò per correre a Monza con la Ferrari nel 1969. Tino Brambilla cominciò la sua carriera da giovane gareggiando con l’MV Augusta 125 diventando Campione italiano di Terza Categoria. Nel 1959 esordì nel motomondiale con un podio nel GP di Germania, nel 1961 vinse il titolo italiano seniores 500. Poi l’approdo all’automobilismo, passando per i kart, prima in Formula Junior, poi in formula 3 nel 1965. Dopo la collaborazione con la Ferrari, Tino aveva deciso di dedicarsi alla sua officina, facendo il collaudatore con la Pirelli, correndo anche con il fratello minore Vittorio, scomparso nel 2001.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Covid: Sergio Perez primo pilota positivo in F1

Lutto a Monza, è morto l’ex pilota Tino Brambilla

Ferrai
Ferrai (pixabay)

Tino Brambilla è morto nella sua abitazione lombarda, nella giornata di ieri a Monza. L’ex pilota vantava una carriera prestigiosissima, tra moto e F1. In un periodo, quello che va dagli anni ’50 ai ’60, che vedeva i piloti come degli eroi pronti a sfidare la morte ad ogni curva, Tino ha intrapreso prima la carriera motociclistica, diventando pilota ufficiale MV Augusta fino al 1959, per poi passare alle 4 ruote nel 1963. Vinse il titolo italiano di Formula 3 con una Brabham Ford, nel 1968 in Formula 2, era stato anche alla guida di una Ferrari arrivando terzo nel campionato europeo. Tino Brambilla proveniva da una famiglia che amava i motori, il padre aveva un’officina, mentre il fratello Vittorio corse 7 mondiali di F1. La scomparsa di Tino lascia senza dubbio un grande vuoto nel cuore degli appassionati di automobilismo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Lewis Hamilton: la doppia identità tenuta nascosta per dieci anni