Usa, avanzano le elezioni: Trump tuona contro Mosca

Avanzano, giorno dopo giorno, le fatidiche e cruciali elezioni Usa: Donald Trump prende parola e tuona contro Mosca. Poi arrivano le accuse da Hong Kong.

Andrà così per tre lunghi mesi. Finché non scatterà l’ora delle elezioni, con data 3 novembre, gli scontri verbali, e non solo, sembrano essere sempre dietro l’angolo. Ora dopo ora. “Al microfono” ancora una volta lui: Donald Trump. Il tycoon non arresta il suo “show” elettorale. A sorpresa, nelle ultime 24 ore, il presidente Usa si è scagliato contro Mosca dichiarando che “da quelle parti non vogliono una mia nuova rielezione”. Un intervento a sorpresa perché lo stesso Trump, così facendo, smentisce le voci della sua stessa intelligence. Voci che avevano dichiarato come la Russia stesse lavorando per denigrare il suo “acerrimo nemico”: Joe Biden. Il presidente americano è intervenuto dalla sua residenza di Bedminster affermando che: “L’ultima persona che la Russia vuole vedere in carica è Donald Trump”. Parla di se stesso in terza persona. Un mix di egocentrismo e narcisismo assoluto per mister Donald.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Tik Tok, Trump firma il decreto che “cancella” il social network

Non solo le elezioni e Mosca: Trump nel mirino di Hong Kong

trump elezioni mosca edward yau
Edward Yau, attuale segretario per il commercio e lo sviluppo economico di Hong Kong (Wikipedia)

Dopo giorni di silenzio, e a pochissime ore dalla dichiarazioni “egocentriche e narcisistiche” di Donald Trump sulle intenzioni della Russia, torna a parlare anche Hong Kong. Al centro della vicenda le sanzioni imposte dal presidente americano contro i funzionari dell’ex territorio britannico. A farsi sentire è Edward Yau, l’attuale segretario per il Commercio e lo Sviluppo Economico della città. Quest’ultimo non si risparmia di “una sola virgola”, affermando che: “Se gli Stati Uniti procederanno, unilateralmente, con questa azione selvaggia e irragionevole, alla fine colpiranno le stesse società statunitensi”. 

Infine, come riportato dall’agenzia Bloomberg, l’amministrazione Trump sembrerebbe decisa nel colpire, con tali sanzioni, “anima e corpo” di Hong Kong: dalla governatrice Carrie Lam, passando per i vari ministri e concludendo con altri dirigenti cinesi. Uno scontro senza precedenti che torna a riaccendersi a chilometri di distanza, ma che sembra più “vicino” di quanto non possa apparire dinanzi i nostri occhi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Salvini, richiami fascisti sulla mascherina: è polemica – FOTO