Vita in Diretta, Andrea Delogu punzecchia: “Sei pericoloso”

Durante la puntata di oggi della Vita in Diretta Estate Andrea Delogu ha fatto un commento pungente a Marcello Masi.

La complicità tra Andrea Delogu e Marcello Masi è uno dei punti forti dell’edizione estiva della Vita in Diretta. Durante la puntata di oggi l’inviato Giuseppe Di Tommaso si trovava a Fasano da dove ha mostrato ai telespettatori alcune specialità della zona. Una delle prelibatezze di cui ha parlato l’inviato è un particolare succo di frutta estratto dal fico d’India. Proprio mentre Di Tommaso parlava del frutto la Delogu ha fatto un commento pungente al collega conduttore, dicendo che anche lui come quei frutti è “tenero e pericoloso”. Il fico d’India infatti è molto dolce ma la buccia è ricoperta di spine. Sembra che Masi sia stato preso in contropiede dalla trovata della collega e non ha ribattuto, anche se ovviamente si trattava di una battuta fatta con stima.

LEGGI ANCHE >>> Nuovo caso di coronavirus alla Maddalena: 450 persone bloccate

La Vita in Diretta, Masi: “Trovi solo belle ragazze?”

vita in diretta
Andrea Delogu e Marcello Masi (Screenshot Facebook)

Le battute durante l’edizione estiva della Vita in Diretta sono all’ordine del giorno anche con gli inviati, e Giuseppe Di Tommaso non fa eccezione. L’uomo oggi si trovava a Fasano, in provincia di Brindisi, per portare avanti il suo tour alla scoperta delle specialità delle varie regioni italiane. Sembra però che Marcello Masi si sia concentrato su altro: durante una pausa del collega infatti gli ha detto scherzosamente che si circonda di belle ragazze ovunque vada. In ogni battuta c’è sempre un fondo di verità; infatti non è la prima volta che Di Tommaso si trova in buona compagnia. La risposta dell’inviato però non si è fatta attendere. L’uomo infatti si è complimentato con Andrea Delogu per la sua conduzione su Rai 1 e ha chiuso dicendo a Masi che non si rende conto della bellezza che ha di fianco.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Incidente tra Bugatti Chiron e Porsche 911: danni da oltre 3 milioni