Coronavirus, allarme Roma: chi è il positivo dei giallorossi

L’annuncio del calciatore della Roma risultato positivo al coronavirus, tramite il suo profilo Instagram: “Sto bene, non ho sintomi”

Momenti di ansia a Trigoria. Il calciatore della prima squadra risultato positivo al coronavirus è Antonio Mirante. Il portiere della Roma lo annunciato sul suo profilo Instagram tramite una storia. “Sono risultato positivo al test del covid – continua il calciatore – mi sento bene, spero di guarire presto”. Mirante si trova adesso in isolamento ed è in buone condizioni, mentre si augura di tornare il più presto possibile ad allenarsi con i suoi compagni. Compagni di squadra che nel frattempo verranno contattati e tamponati. Già tre i positivi per i giallorossi, gli altri due calciatori risultati positivi sono due ragazzi della primavera della Roma. L’allenamento di ieri è stato annullato, mentre oggi tutta la squadra verrà sottoposta ai test.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Coronavirus: rientra positivo dalla Spagna, è in terapia intensiva

Coronavirus, Roma: positivo il calciatore Antonio Mirante

Antonio Mirante
Antonio Mirante (gettyimages)

L’ufficialità è arrivata dal profilo social del calciatore. Antonio Mirante, tramite una storia su Instagram, ha annunciato la sua positività al coronavirus. Ieri erano risultati positivi altri 2 ragazzi della primavera. Il portiere si trova in un buone condizioni in isolamento domiciliare. Il ritorno agli allenamenti a Trigoria, per i giocatori della Roma, è previsto per il 27 agosto. I calciatori si trovano però al momento tutti in vacanza in Italia e all’estero. L’allenatore Fonseca si trova in Ucraina. La preoccupazione è palpabile in casa Roma, mentre la società ha rassicurato che tutti i giocatori verranno sottoposti a tamponi prima della ripresa degli allenamenti. Nella giornata di ieri sono stati sospesi  quelli della primavera fino al 24 agosto, dopo la positività di due ragazzi tornati dalle vacanze in Sardegna.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Coronavirus, le discoteche non riapriranno. Respinto il ricorso