Incidente frontale a Senigallia, muore un bambino

Incidente frontale a Senigallia, muore sul colpo un bambino di sei anni seduto sul sedile anteriore, proprio dove è avvenuto l’impatto

Incidente frontale a Senigallia, muore sul colpo un bambino di sei anni. Ancora una vittima giovanissima che perde la vita in strada.

Il fatto è avvenuto poco dopo le 8 di questa mattina, a Senigallia, in provincia di Ancona, in Strada della Bruciata. L’auto era guidata dal padre, un trentacinquenne residente a Tricastelli, quando si è scontrato con il mezzo pesante della nettezza urbana che ritira i rifiuti ingombranti.

Il mezzo era fermo a bordo strada e forse il forte sole ha impedito al padre di vederlo. L’impatto è stato violentissimo ed è avvenuto sul lato passeggero, proprio dove il piccolo era seduto. Purtroppo non c’è stato nulla da fare, il bambino è morto sul colpo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Incidente mortale sulla Statale 16: muore un centauro

Incidente a Senigallia, è il secondo in due giorni

incidente a Senigallia
Un’ambulanza in azione (Getty Images)

L’impatto avvenuto poco dopo le ore 8 in Strada della Bruciata con un camion della raccolta rifiuti, è stato fatale purtroppo per il piccolo di sei anni. Sul posto sono intervenute immediatamente i sanitari del 118 con un ambulanza. C’è stato il soccorso anche di un eliambulanza, ma non c’è stato nulla da fare, il bambino è morto sul colpo.

Sul posto anche Polizia di Stato e Vigili per chiarire la dinamica dell’incidente. Al momento pare che la causa sia da imputare alla luce accecante del sole che non ha fatto vedere al padre il mezzo fermo a bordo strada.

Già ieri Senigallia fu teatro di un altro incidente, uno scontro tra una moto e un’auto in zona Cesano. Ad avere la peggio è stato il centauro, un uomo di quarantanove anni residente a Senigallia, trasferito con l’elisoccorso all’ospedale Le Torrette in grave condizioni.

Alla guida dell’auto c’era un ragazzo di diciannove anni, anche lui di Senigallia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, il Veneto non vuole le mascherine a scuola: “Una tortura”