Covid Treviso, focolaio nello stabilimento Aia: 184 casi accertati

Covid Treviso – A Treviso si registra un focolaio all’interno dello stabilimento Aia. Tra gli oltre 700 dipendenti 184 sono risultati positivi al tampone. Tutti in isolamento domiciliare. 

Dopo i casi in Sardegna, soprattutto nella zona di Porto Cervo, si registra un nuovo focolaio da Coronavirus in provincia di Treviso. Nello stabilimento Aia situato a Vazzola, infatti, sono stati accertati 184 contagiati accertati tra i dipendenti dell’industria che, per ora, però non viene chiusa. L’interruzione dell’attività produttiva infatti non è stata presa in considerazione, ma si continuerà a lavorare a ranghi e turni ridotti, per evitare che che l’abbattimento di circa 1,5 milioni di capi di pollame senza destinarli al mercato. 560 tamponi effettuati fino a oggi su 700 dipendenti, 184 positivi accertati che sono stati messi in isolamento. Nello stabilimento Aia di Vazzola, però, si continuerà a lavorare intensificando i test.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, i dati dell’ultimo bollettino 

Focolai Covid. Non solo Treviso, emergenza in Sardegna

Continua a preoccupare la situazione in Sardegna, dove la stagione estiva è stata falcidiata dai numerosi contagi registrati nelle ultime settimane. Porto Cervo la località che preoccupa di più: di oggi la notizia di altri 52 nuovi positivi, tutti dipendenti del Billionaire di Flavio Briatore (portando i casi totali a 63).

Proprio l’imprenditore italiano è stato ricoverato oggi al San Raffaele di Milano ma le sue condizioni non sarebbero gravi come affermato nella mattinata di oggi dai primi rumors. C’è preoccupazione tra i vip che hanno incontrato Briatore in Sardegna negli ultimi giorni: tra loro Berlusconi, ma l’ex Premier ha effettuato il tampone risultando negativo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Briatore ricoverato a Milano