Riapertura Università, a settembre si riparte a metà: le linee guida

Riapertura Università, a settembre si riparte con aule a numero chiuso, mascherine obbligatorie e prenotazioni fino a esaurimento posti

Riapertura Università, tra settembre e ottobre ricomincerà il nuovo anno accademico ma com’era prevedibile sarà tutto molto diverso e rigoroso. Si dovranno rispettare delle precise regole per evitare il contagio da Coronavirus. Per prima cosa sarà ridotta la capienza all’interno delle aule al 50% per garantire il distanziamento sociale.

Chi entrerà dunque in aula? Per partecipare alle lezioni sarà obbligatoria la prenotazione fino a esaurimento posti. Chi non riuscirà a partecipare fisicamente alla lezione, potrà farlo da casa con la Didattica a Distanza, così come fatto negli ultimi mesi dello scorso anno accademico quando attraverso il pc ci sono state anche le proclamazioni di lauree.

Ovviamente per tutto il tempo che si sta nelle strutture universitarie, è obbligo indossare la mascherina.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, per Patric e Correa sierologico alterato: niente ritiro

Riapertura Università, flussi diversi per entrare e uscire dall’aula

(Getty Images)

Ogni Ateneo si organizzerà autonomamente per far rispettare le regole che prevedono anche la sanificazione quotidiana delle strutture e ogni aula dovrà disporre di gel igienizzante.

Per ridurre al minimo i contatti, si dovranno creare degli spazi sia in entrata che in uscita per ogni singola aula e per altri spazi degli Atenei.

Se ora stiamo prendendo l’abitudine di farci misurare la temperatura anche per entrare in un bar, ciò non avverrà per l’Università ma in presenza di sintomi da Covid-19, si dovrà restare nella propria abitazione. Nel caso dovesse emergere un caso di una persona positiva, si valuterà man mano quali provvedimenti prendere che prevede anche la sospensione del corso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Miguel Bosè “negazionista”: bloccato da Twitter