Bambina dispersa nel lago di Como: nuotava con la madre

Ore di febbrile ricerca nelle acque del lago di Como per ritrovare una bambina di 12 anni dispersa mentre nuotava con la madre. La donna si è salvata, scomparsa la figlia.

Si rischia una nuova tragedia nelle acque del lago di Como. Nel versante situato in provincia di Lecco nel primo pomeriggio di oggi è scomparsa una bambina di 12 anni, dispersa mentre era entrata in acqua con la madre. Forse un abbassamento improvviso del fondale è stata la causa che ha determinato le difficoltà per le due. Mentre la donna è riuscita a salvarsi tornando a riva però la ragazzina non sarebbe stata capace di riemergere, sparendo anche alla vista delle persone che dalla riva assistevano alla scena. Una corsa contro il tempo per tentare di salvare la bambina di 12 anni: in operazione squadre di sommozzatori che stanno scandagliando la zona.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, i dati dell’ultimo bollettino italiano 

Lago di Como: in corso le ricerche della bambina

In tutto è avvenuto di fronte all’abitato di Abbadia Lariana, alle porte della città in provincia di Lecco. Le ricerche in corso effettuate da squadre di sommozzatori dei vigili del fuoco e altri subacquei volontari. Impegnato anche un elicottero e una squadra di soccorso degli alpini arrivata con l’ambulanza. Stando alle prime ricostruzioni la piccola sarebbe stata trascinata via dalle forti correnti del lago. Una corsa contro il tempo per ritrovare la ragazzina, data soprattutto la pericolosità di fare il bagno nelle acque di un lago.

Già all’inizio dell’estate un fatto simile era avvenuto sempre nelle acque del lago di Como. In quell’occasione un ragazzo si era tuffato senza più riemergere, forse colpito da malore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Usa, sciopero degli sport per i diritti dei neri