Coronavirus, studio inglese piomba sulle scuole: “Pochi rischi tra i bambini”

Uno studio inglese afferma che il rischio di contrarre il coronavirus a scuola, tra i bambini, è molto raro e porta con sé rischi minimi.

Nelle ultime ore arriva un importante studio sulla vicenda del coronavirus che attanaglia gran parte del mondo. Tra poche settimane migliaia di bambini, soprattutto in Europa, torneranno nelle loro classi. Si riuniranno, si rivedranno, insomma: torneranno a fare “comunità”. Se questo, da una parte, è un bene, dall’altra non è di certo un male, ma porta con in essere molta preoccupazione, soprattutto per la “decisiva” risalita dei contagi in tutto il continente. Come detto poc’anzi, però, a parlare, nelle ultime ore, sono stati gli esperti del British Medical Journal. Quest’ultimi, in controtendenza con le ultime voce, hanno affermato che per i bambini e anche ragazzi più grandi il rischio di un contagio grave di coronavirus a scuola è molto raro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus nel calcio, anche Pogba positivo al tampone

Lo studio inglese sui bambini: il coronavirus non è così grave come può sembrare

coronavirus studio inglese bambini scuola
Bambini e maestra in classe durante una lezione (Getty Images)

Rischio di contagi gravi quasi vicino allo zero, rischio di morte addirittura nulla. È ciò che affermano, a gran voce, gli esperti del British Medical Journal. Una ricerca accurata e approfondita: finora la più grande, in materia, portata a termine. Si parla anche di rischio di ricovero in ospedale: anche qui minimo. Ovviamente la parola “nullo” non viene mai indicata, perché, come riportato da molti esperti in questi mesi, sarebbe da incoscienti valutare il fatto con questo termine.

Gli esperti scrivono che: “Lo spettro di conseguenze letali è addirittura infinitesimale sia tra i più piccoli, sia tra i ragazzi fra i 10 e i 14 anni”. Poi proseguono parlando con dati alla mano: “Sui casi presi in esame di contagio minorile da Covid-19 in Inghilterra, Scozia e Galles sono stati registrati non più di 6 esiti fatali, tutti riguardanti bambini con gravi patologie pregresse associate”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bari, bambina di 18 mesi positiva al Coronavirus: famiglia era in isolamento