La vita in Diretta: lite con Matano, il dirigente Rai se ne va

Scontro tra Stefano Rizzelli e Alberto Matano. La lite avrebbe portato il dirigente Rai a pensare di abbandonare La Vita in Diretta

La Vita in Diretta rischia davvero di cominciare come era finita, ovvero tra le polemiche. Da quanto si apprende nelle ultime ore, il dirigente Rai Stefano Rizzelli – capostruttura di Rai1 che si occupa del contenitore pomeridiano – avrebbe espresso la volontà di lasciare l’incarico. La causa sarebbe una lite con il futuro conduttore Alberto Matano, il quale prenderà nuovamente il posto di Andrea Delogu e Marcello Masi. Matano, conduttore e caporedattore del programma, si sarebbe scontrato con Rizzelli – da anni dirigente Rai – il quale di fronte all’impossibilità di collaborazione col collega, avrebbe espresso la volontà di abbandonare. Il programma, che avrà inizio con la nuova stagione invernale il prossimo 7 settembre, parte dunque col piede sbagliato. Dopo la clamorosa faida Cuccarini-Matano, sembra che il rotocalco di attualità non possa trovare un attimo di pace.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Vita in Diretta, Andrea Delogu punzecchia: Sei pericoloso

La vita in Diretta: è scontro tra Matano e il dirigente Rai

Alberto Matano
Alberto Matano (gettyimages)

Secondo quanto si apprende, il dirigente Rai Stefano Rizzelli e Alberto Matano, non andrebbero molto d’accordo. Uno scontro avrebbe portato Rizzelli a prendere in considerazioni di lasciare il programma La Vita in Diretta. Visto il ruolo che occuperà Matano nella prossima edizione della trasmissione – in onda a partire dal 7 settembre – e l’impossibilità alla cooperazione, il dirigente Rai sarebbe in procinto di abbandonare. Ancora niente di ufficiale, anche se le strade professionali dei due sembrerebbero destinate a separarsi. Un’inizio col botto per la Vita in Diretta, che sarà dunque nuovamente condotta e diretta da Matano, dopo essere stata per un anno sotto la direzione dalla coppia Delogu Masi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Filippo Bisciglia da Diaco a Io e Te: Il dramma della mia malattia