Vittorio Sgarbi contro le mascherine: a Sutri multe per chi le indossa

Vittorio Sgarbi si scaglia contro l’uso delle mascherine: a Sutri, comune di cui è sindaco, multe per chi le indossa.

Nuova provocazione di Vittorio Sgarbi. Il critico d’arte nel giugno 2018 infatti è diventato sindaco di Sutri, piccolo comune in provincia di Viterbo. Nelle scorse ore un tweet sul profilo Twitter di Sgarbi ha reso pubblica un’ordinanza sindacale che vieta l’uso delle mascherine in tutto il territorio comunale. Più precisamente sarà vietato indossare la mascherina all’aperto e al chiuso, a meno che non ci siano assembramenti, dalle 18 alle 6 del mattino. Chi sarà “pinzato” a indossarla riceverà una multa ai sensi della legge 533 del 1977. La legge prevede infatti che non sia possibile coprirsi il volto in pubblico. La decisione di Sgarbi punta ad evitare quelle che definisce “ridicole forme di ostentazione”. Secondo il critico d’arte infatti solo ladri e terroristi si coprono il volto in pubblico.

LEGGI ANCHE >>> Bollettino coronavirus 29 agosto, scendono i contagi: 1.444 in 24 ore

Vittorio Sgarbi contro le mascherine, ma non è la prima volta

vittorio sgarbi mascherine
Il critico d’arte e sindaco di Sutri Vittorio Sgarbi (Getty Images)

La decisione di Vittorio Sgarbi di multare chi indosserà la mascherina in pubblico a Sutri è una delle tante contestazioni del critico d’arte alla gestione dell’emergenza sanitaria. Il sindaco di Sutri infatti, che è anche deputato alla Camera per la Campania, ha già criticato più volte le autorità sulla questione coronavirus. Sin dall’inizio l’uomo ha negato la pericolosità del Covid: a Marzo invitava le persone ad uscire di casa tranquillamente senza aver paura del virus. Il deputato ha anche preso parte al famigerato convegno di negazionisti del Covid che ha avuto luogo al Senato lo scorso luglio. Insieme a lui hanno partecipato anche il leader della Lega Matteo Salvini e il cantante Andrea Bocelli, poi finito nell’occhio del ciclone delle polemiche. Viste le sue posizioni oltre 20mila abitanti del Trentino hanno firmato una petizione per rimuoverlo dal suo ruolo di curatore del museo Mart di Rovereto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Livorno, incendio nel magazzino di un negozio: fumo in tutta la città