Gp Monza: riscatto Ferrari? Cosa dobbiamo aspettarci

Ci si appresta a entrare nel vivo del Gp di Monza. Ferrari chiamate al difficile, se non impossibile, riscatto. Dopo il disastro di 7 giorni fa a SPA cosa dobbiamo aspettarci?

Lo sconforto nei ferrarista è tanto. Come se non bastasse un avvio di stagione decisamente negativo, condito però da due miracolosi podi di Leclerc nelle prime gare, il campionato sta prendendo una deriva ai limiti del drammatico per la rossa a 4 ruote più famosa del mondo. Siamo entrati nel vivo del weekend del Gp di Monza, gran premio per eccellenza per la Ferrari che qui è chiamata al difficile riscatto dopo il disastro di SPA (nessuna delle due monoposto a punti in gara, qualifica peggiore degli ultimi anni senza l’ingresso in Q3). La SF1000 non dà affidabilità, non funziona in curva e la velocità di punta in rettilineo non riesce a compensare tutte le carenze di una macchina nata male, che è costantemente oggetto di aggiornamenti e modifiche. I presupposti per avvicinarsi alla gara di domani, insomma, non sono buoni. E a poco più di 24 ore dalla corsa è meglio essere realisti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>  Covid, le condizioni di Berlusconi 

Gp di Monza: Ferrari in difficoltà nelle libere

ferrari formula 1
Charles Leclerc (Getty Images,)

Mentre il solito Hamilton ha volato anche durante le prove libere, le due Ferrari hanno confermato le difficoltà di tenuta in curva. In particolar modo alla Lesmo sia Vettel che Leclerc non sono riusciti a gestire al meglio la monoposto (testacoda per il tedesco). Nelle qualifiche di oggi, semaforo verde alle 15:00, si inizierà veramente a fare sul serio ma già Leclerc nei giorni scorsi non si era detto ottimista per la gara di domani. Insomma, dal Gp di casa dobbiamo aspettarci le solite difficoltà per la Ferrari; ma almeno non dovrebbe materializzarsi una nuova debacle come in Belgio. Scordiamoci la vittoria, non ci illudiamo per il podio. La zona punti, almeno domani, però deve essere alla portata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> A Roma sfilano i negazionisti